Cervia. Bilancio: dati positivi per il rendiconto del 2017.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • Bilancio:

    Dati positivi per il rendiconto del 2017.

    Approvato dalla Giunta, in discussione nel prossimo Consiglio comunale.

    Leggere i bilanci è cosa complicata. Confrontarne due ancor di più. Ma alcuni elementi di scostamento fra preventivo e consuntivo del bilancio 2017 del Comune di Cervia meritano attenzione.

    La giunta in questi giorni sta lavorando agli atti per l’approvazione in consiglio comunale del bilancio consuntivo 2017 e ai tanti allegati previsti per legge. Fra questi degni di nota sono i parametri di riferimento per effettuare l’analisi degli scostamenti tra indicatori a previsione e indicatori a consuntivo. Tra l’altro alcuni di questi parametri sono utilizzati per calcolare la “deficitarietà strutturale” di ogni Comune Italiano, quindi per valutare se il Comune è in difficoltà o gode di buona salute finanziaria.

    Per primo l’incidenza sulle entrate correnti delle spese “rigide” cioè, come dice la parola, difficilmente comprimibili, come i costi di personale e i costi per debiti (“interessi passivi e rimborso prestiti”).

    Il confronto fra i valori indicati a preventivo e quelli a consuntivo evidenzia una -4,6%. Inoltre c’è un minor impatto del costo totale del personale procapite, cioè rispetto alla popolazione residente, rispetto a quanto stimato, pari a – 10,13 %.

    Positivo anche il rapporto tra interessi pagati sul debito ed entrate, in netto miglioramento anche per effetto dell’operazione di estinzione anticipata effettuata lo scorso anno (senza spese e penali) che ha ridotto lo stock di debito da mutui sul quale calcolare gli interessi da corrispondere alla banche mutuanti (-6,83%).

    In netto miglioramento rispetto alla previsione iniziale, con un + 24,8 %, l’incidenza degli accertamenti di parte corrente sulle previsioni definitive quindi migliora la capacità dell’Ente di acquisire entrate esterne (finanziamenti europei, nazionali e regionali) in corso d’anno rispetto alla previsione di bilancio.

    Sugli investimenti, sale di ben 78,5 % rispetto al preventivo la quota pro capite di contributi esterni agli investimenti. Il forte rialzo è dovuto anche all’effetto dei corposi contributi concessi nel 2016 dalla Regione Emilia-Romagna per la sistemazione del Magazzino Darsena (€. 2,8 milioni) che va “spalmato” negli anni.

    Sale anche dell’84,35% la quota di investimenti complessivi finanziati da spesa corrente, anche per l’effetto delle risorse in aumento derivanti dall’applicazione delle sanzioni per codice della strada a bilancio, per la parte vincolata destinata agli investimenti.

    Infine un +16,26% che incide direttamente su privati e imprese: lo “smaltimento” dei debiti commerciali nati nell’esercizio ma anche negli esercizi precedenti. I due indicatori infatti, misurano il netto miglioramento della capacità del Comune di Cervia di pagare i debiti commerciali con i propri fornitori, in parte dovuto all’attuazione delle norme sul pareggio di bilancio in sostituzione di quelle sul patto di stabilità che rendevano più problematici i pagamenti degli investimenti

     

    Il sindaco Luca Coffari e l’assessore al bilancio Rossella Fabbri commentano così questi dati positivi: <<ll bilancio dell’ente è l’atto politico per eccellenza anche se molto tecnico. La valutazione degli obiettivi e dei risultati è stata positiva come testimonia il rendiconto 2017. Siamo quindi riusciti a realizzare gli obiettivi e progetti che ci eravamo prefissati, reperendo risorse anche all’esterno, mantenendo le aliquote fiscali di competenza comunale (IMU ed Irpef) invariate già da alcuni anni. Stiamo e continueremo a lavorare per realizzare investimenti ed innovare, sulla costa e nel forese, mantenendo invariati tutti i servizi alla comunità e cercando dove possibile di migliorare per garantire una sempre migliore qualità della vita per i nostri concittadini>>.