da Ticinofinanza.ch ”Italia-San Marino: l’accordo per andare d’accordo”

  • Le proposte di Reggini Auto

  • Italia e San Marino ora vanno a braccetto. Le firme apposte ieri dalle due parti per l’approvazione dell’accordo in materia di collaborazione finanziaria ha cancellato tutti i dissapori che hanno accompagnato le due nazioni per un anno intero.

    Si attende ora il nuovo protocollo d’intesa tra la Banca Centrale del Titano e la Banca d’Italia che permetterà agli organismi di vigilanza dei due Paesi di verificare l’operato di soggetti sammarinesi in Italia e viceversa. Uno scambio d’informazioni dunque per una collaborazione a 360 gradi.

    I punti chiave su cui si basa la cooperazione tra il Monte e l’Italia sono principalmente sei.
    Lo scambio di informazioni tra le Autorità competenti dei due Stati circa la tipologia e il numero di rapporti giuridici e finanziari presso intermediari di entrambe i paesi devono essere trasmessi entro dieci giorni lavorativi.
    L’efficacia della vigilanza transfrontaliera deve essere garantita in modo tale da permettere l’integrità e la trasparenza dei sistemi finanziari.
    Viene assicurata la collaborazione tra L’Agenzia per l’Informazione finanziaria (Aif) sammarinese e L’Unità di informazione finanziaria (Uif) italiana per lo scambio di informazioni purché nel rispetto degli standard internazionali.
    Italia e San Marino assicurano controlli sui movimenti di denaro contante e valori assimilati tra i due territori anche attraverso accordi scritti che facilitino l’adempimento dell’obbligo di dichiarazione.
    Per prevenire gli abusi di mercato l’accordo impone l’obbligo di verifica, registrazione e conservazione dei dati inerenti alle operazioni ritenute sospette nonché la trasmissione delle informazioni utili ad identificare il beneficiario finale.
    Al fine di combattere il riciclaggio di denaro e il finanziamento delle attività terroristiche le parti si impegnano ad assicurare gli obblighi di adeguata verifica, registrazione e conservazione dei dati e di segnalazioni di operazioni sospette.