Firmato l’ACCORDO COLLABORAZIONE FINANZIARIA tra Italia e San Marino, guarda il video e leggi il testo dell’accordo!

  • Le proposte di Reggini Auto

  • Quest’oggi a Palazzo Benni finalmente si è firmato il tanto sospirato accordo di collaborazione finanziaria presenti allo storico appuntamento Il Segretario Gatti, Morri, Mularoni e l’Ambasciatore Marini.

    L’accordo è di importanza fondamentale in quanto i rapporti proprio in materia finanziaria, con tra San Marino ed Italia sono da tempo critici, non da meno lo Scudo Fiscale ha accuito il contrasto che c’è.

    Queste le dichiarazioni sia del Segretario di Stato Mularoni che dell’Ambasciatore Marini.

    Mularoni:’Quello con l’Italia per noi è un rapporto per noi molto importante, e questo accordo è normalizzante per il settore finanziario. Abbiamo dimostrato che San Marino è un paese affidabile sia nel settore finanziario sia in materia riciclaggio. A seguito di questa firma sarà possibile fissare un accordo tra le due banche centrali.

    Sarà anche possibile per i nostri istituti bancari operare in Italia, con questo accordo. Ci auguriamo che il terzo accordo possa essere firmato a breve. Infine per rssenerare gli animi preciso che sarò io ad accompagnanare i Reggenti a Roma. E non ci sono i presunti dissidi tra me e la Reggenza. Tutti stiamo lavorando in un’unica direzione. Si volta pagina e si apre un futuro sereno per l’economia sammarinese, un esempio sono il parco scientifico e tecnologico e l’aeroporto di Rimini.

    Marini: ”Voglio solo dire che sono molto felice sul piano soprattutto professionale. Lasciamo che i fatti parlino da soli e per arrivare a questi risultati c’è tutto un lavoro dietro, anche con una certa frenesia. Tra coloro che hanno contribuito a questo accordo ricordiamo il Senatore Mantica e Stefani nella Commissione Esteri. il Ministro Brunetta e il Ministro Frattini con l’ultima lettera al Ministro Tremonti. San Marino ha degli amici sinceri in Italia, come Frattini e Letta. Voglio bene a San Marino perché anche i sammarinesi mi vogliono bene”.

    LEGGI IL TESTO DELL’ACCORDO