Formula E: ripartenza a Berlino dopo stop 158 giorni

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • (ANSA) – ROMA, 05 AGO – Dopo uno stop lungo 158 giorni, il Campionato ABB FIA Formula E torna in pista oggi a Berlino, sul circuito ricavato all’interno dell’aeroporto di Tempelhof, per il gran finale più intenso nella storia del motorsport, con sei gare in nove giorni per celebrare il campione della sesta stagione.
        La Formula E è celebre per la sua imprevedibilità. Ognuna delle cinque gare corse finora in questa stagione è stata vinta da un pilota diverso, così come la scorsa stagione ha visto ben nove diversi piloti arrivare primi al traguardo. Quest’anno, con sei gare in nove giorni, tutti i piloti possono ancora vincere matematicamente il titolo.
        Antonio Felix da Costa del DS TECHEETAH guida la classifica con 67 punti, a 11 di distanza da Mitch Evans di Panasonic Jaguar Racing, tutti i primi sei classificati distano dal podio soltanto una gara con punteggio totale. Il campione in carica Jean-Eric Vergne è in ottava posizione, mentre un ex campione, Sebastien Buemi, si trova all’undicesimo posto in classifica piloti.
        Il format delle qualifiche assicura che tutti i piloti abbiano le medesime possibilità guadagnare punti e conquistare il podio.
        Dopo il clamoroso divorzio tra Daniel Abt e Audi Sport ABT Schaeffler, farà il suo debutto con la casa dei quattro anelli Rene Rast, il campione in carica del DTM, che aveva già corso una gara di Formula E a Berlino nel 2016 per il Team Aguri.
        Abt, che vinse l’E-Prix di Berlino nel 2018, sembrava destinato a dover rinunciare al finale berlinese, ma NIO 333 gli ha concesso di prendere il posto di Ma Qing Hua, che cercherà di fare il salto di qualità in una nuova squadra. Il pilota di riserva della Red Bull Racing, Sergio Sette Camara, sostituirà Brendon Hartley nel team GEOX Dragon, mentre Mahindra Racing ha ingaggiato Alex Lynn al posto di Pascal Wehrlein. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte