I ribelli M5s si preparano: “Aperti a alleanza col Pd”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

I ribelli del Movimento Cinque Stelle guardano già agli scenari di crisi di governo. E spunta il piano per una alleanza con il Pd.

Per bloccare la Tav sono pronti a tutto. AQnche a spezzare l’asse con la Lega che li tiene al governo. E a dare la misura delle tensioni tutte interne ai Cinque Stelle è la grillina ribelle Paola Nugnes che all’Adnkronos non usa giri di parole: “È arrivato il momento, tardivo, di far valere il peso della nostra maggioranza e se la Lega insiste col sì all’alta velocità Torino-Lione a quel punto sarà il Carroccio a prendersi una responsabilità sul governo”, dando al Movimento 5 Stelle la spinta a cercare altre alleanze in Parlamento a partire dal Partito democratico”. Parole pensati quelle della Nugnes che di fatto aprono nuovamente il fronte tutto interno ai Cinque Stelle che ormai danno vita ad una guerra civile tra “governisti” e “oppositori”.

Poi fa i calcoli sulle intenzioni di voto e soprattutto sul risultato del 4 marzo 2018: “Lo so che il nuovo Pd non si è staccato dalle vecchie scelte. Ma non le ha neanche portate molto avanti nella XVII legislatura… Sonderei convergenze nuove. Abbiamo il 33%, loro, la Lega ancora solo il 17%”. Infine la stoccata finale al Carroccio: “Questo governo ci è costato e ancora rischia di costarci troppo caro, in termini di identità e di consensi. La perdita dei consensi vuol dire che non si sono date le doverose risposte a chi ci ha dato un mandato preciso. Noi – rimarca Nugnes – i voti li abbiamo presi al Sud e da sinistra, è ora di fare i conti con questo. Altrimenti, dopo aver costruito rampe di lancio alla destra di Salvini le daremo a breve al centrosinistra del Pd e noi scompariremo”. Il Giornale.it

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com