IERI SERA SI E’ RIUNITA L’ASSEMBLEA DEI DDC

  • Le proposte di Reggini Auto

  • Ieri sera si è tenuta una partecipata Assemblea degli aderenti dei Democratici di Centro. L’assemblea ha approvato all’unanimità il riferimento svolto da Coordinatore Giovanni Lonfernini sul momento politico.

    Nel corso del suo intervento il Coordinatore dei DdC ha affermato: “Il Paese sta attraversando una fase difficile.  Non sta a me elencare ciò che è successo in questi mesi perché è sotto gli occhi di tutti i sammarinesi. La crisi che abbiamo di fronte non può lasciarci indifferenti.  E’ il momento di cogliere questo passaggio e di costruire, dal centro, un’azione moderata e riformatrice, laica e rivolta al futuro ma con un grande bagaglio di valori, a partire da quelli della nostra identità di cattolici democratici, seria e responsabile ma inflessibile nella difesa delle istituzioni e della Repubblica.”

    Lonfernini ha inoltre aggiunto: “ Subito dopo la sosta estiva, il 25 Settembre, daremo vita ad un momento di riflessione sull’economia. Non sarà una festa dunque, non è proprio tempo di feste, con i sammarinesi e le famiglie lasciati soli ad affrontare una crisi drammatica che proprio a settembre rischia di diventare ancora più dura con di piccoli e medi imprenditori che non sanno se potranno riaprire le loro aziende e centinaia di lavoratori che hanno trascorso il mese di riposo con l’angoscia di non trovare più il posto di lavoro fra qualche settimana. Non è il momento di feste e festicciole quelle le lasciamo ad altri.  E se nemmeno chi ha la responsabilità del Governo in questo momento sente l’urgenza di trovare soluzioni concrete ai problemi del Paese, noi non intendiamo sottrarci e sentiamo ancora più pressante il dovere di fare la nostra parte. Il Convegno sarà una full immersion di lavoro attraverso cui elaboreremo una serie di tesi che costituiranno la piattaforma economica del nostro Movimento.  E sarà aperto a tutti, perché noi riteniamo che il dialogo con tutti sia imprescindibile. Sarà aperto a coloro che si sentono di Centro e che vogliono tirare fuori il Paese dalle sabbie mobili.”

    Sugli incontri con le forze di opposizione ha poi riferito: “ In questi giorni abbiamo attivato una serie d’incontri con tutte le forze di opposizione sul tema della politica estera. Dopo la frattura interna al PSD è stato il primo momento di confronto con le forze di minoranza. Si è riscontrata una convergenza unanime – rispetto al tema relativo agli accordi bilaterali con la repubblica d’Italia che, a quanto pare sembrano essere in dirittura di arrivo – nel mettere in campo un’azione capace di dimostrare concretamente la grave responsabilità che il Governo si è assunto nel siglare intese nevralgiche per il nostro Stato senza aver mai ricercato il benché minimo confronto all’interno dell’aula consigliare. Si va, infatti, profilando una situazione insostenibile dove, proprio per la scelta consapevole da parte di chi ha svolto finora la trattativa, ad oggi non si conosce alcun elemento per capire se la sottoscrizione di questi accordi salvaguarderà o meno le prerogative della nostra sovranità in un quadro di reciprocità ed integrazione.  Sono state riscontrate convergenze tali da evidenziare nell’aula consigliare la spregiudicatezza e l’irresponsabilità di chi “gioca in solitario” sul futuro dei sammarinesi.  L’esito della partita con l’Italia è di vitale per il futuro della Repubblica.”

    La parte finale del riferimento è stata poi improntata sull’importanza della prossima seduta consigliare dove Lonfernini ha sostenuto: “Sarà bene decidere come comportarci di fronte a questo invito. Occorre prepararsi al meglio per la prossima seduta consigliare. Andiamo in Consiglio all’interno di una cornice surreale. Davanti a questo quadro non possiamo che prepararci ad un ennesimo scontro. L’impressione è che la maggioranza non voglia in alcun modo creare un cambio di rotta. E tutto questo avviene sulla pelle dei nostri concittadini.”