IL SEGR. MARCUCCI A LISBONA ALL'VIII RIUNIONE OIL

  • Le proposte di Reggini Auto

  • E’ in corso a Lisbona da lunedì 9 febbraio fino a venerdì 13 l’VIII Riunione regionale europea dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro.

    Il tema centrale della Sessione Internazionale è la crisi finanziaria sul mercato del lavoro in Europa ed Asia Centrale.

    Presenti il Segretario di Stato al Lavoro e Cooperazione, Gianmarco Marcucci, accompagnato da una delegazione governativa composta dal Direttore Ufficio del Lavoro, l’Avv. Milena Gasperoni e dal Rappresentante Permanente della Repubblica di San Marino presso le Nazioni Unite e le altre Organizzazioni Internazionali in Svizzera, il Dott. Dario Galassi.

    Sono inoltre presenti Rappresentanti Sindacali e delle Organizzazioni Imprenditoriali sammarinesi.

    Alla riunione, che si svolge ogni quattro anni, partecipano i rappresentanti di governi, imprenditori e lavoratori dei 51 Stati Membri dell’ILO e Asia Centrale.

    La riunione rappresenta una piattaforma unica per discutere in merito a risposte politiche in materia sociale e occupazionale.

    Nel corso della sessione speciale i Ministri e i capi delegazione, insieme ai rappresentanti delle parti sociali, parleranno delle misure da adottare per attenuare le conseguenze negative della crisi economica sull’occupazione, il mercato del lavoro e le sue condizioni. In tale contesto il Segretario Marcucci, ha illustrato le linee del rilancio previste dal Governo sammarinese.

    Il rapporto esaminerà i piani di rilancio messi in atto nella regione e propone un approccio integrato che pone il lavoro dignitoso al centro degli sforzi per la ripresa economica.

    L’VIII Riunione Regionale prevede sette sessioni e ciascuna affronterà diverse tematiche legate al mondo del lavoro: il contesto economico e la situazione dell’occupazione nella regione, le politiche del mercato del lavoro e la flexicurity, le politiche salariali, il dialogo sociale, le strategie per sostenere o accelerare lo sviluppo economico, le strategie per conciliare lavoro e vita familiare e, infine la protezione sociale e i diritti fondamentali del lavoro.