INCONTRO SEGRETERIA ESTERI E CSU

  • Le proposte di Reggini Auto

  • GHIOTTI: UN UTILE SCAMBIO DI INFORMAZIONI E DI VALUTAZIONI

    Giovanni Ghiotti: Le difficoltà con l’Italia si sommano agli effetti della crisi economica.  È necessario normalizzare i rapporti con lo Stato italiano, e varare un valido progetto di sviluppo. Sulle banche, il Segretario agli Esteri ha espresso una cauta fiducia circa la possibilità di superare definitivamente e in breve tempo l’annunciato blocco

     Un’utile occasione per uno scambio di opinioni e per vere direttamente dal Segretario di Stato per gli Affari Esteri una serie di informazioni sui diversi aspetti che in questo momento caratterizzano i difficili rapporti con l’Italia, sulla situazione delle banche sammarinesi, nonché sulle prospettive degli accordi più generali di cooperazione con lo Stato italiano e sui lavoratori frontalieri; è la valutazione della CSdL rispetto all’incontro che si è svolto questa mattina a Palazzo Begni, richiesto dalle Organizzazioni sindacali fin dal gennaio scorso.

     

    In premessa – afferma Giovanni Ghiotti, Segretario Generale CSdL – abbiamo espresso le nostre preoccupazioni per il fatto che le difficoltà che San Marino incontra nei rapporti con l’Italia e i problemi di operatività delle banche sammarinesi, si stanno sommando agli affetti della crisi internazionale, che hanno colpito anche l’economia reale del nostro paese.  Una situazione che sta continuando a creare difficoltà economiche e occupazionali, con un preoccupante numero di lavoratori posti in cassa integrazione e un aumento di quelli messi in mobilità, e che in generale produce serie incertezze di prospettiva. Pertanto, abbiamo riproposto la necessità – oltre che di normalizzare urgentemente i rapporti con l’Italia – di realizzare un valido progetto di sviluppo in grado di superare la crisi economica e di rilanciare l’intera economia del paese.

     

    Circa i rapporti con l’Italia, il Segretario di Stato ha confermato che la priorità va data ai problemi di operatività delle banche, e ai provvedimenti necessari per consentire l’ingresso di San Marino nella White list. A proposito dei problemi delle banche sammarinesi rispetto agli istituti di credito italiani, il Segretario di Stato ha espresso una cauta fiducia sulla possibilità di superare definitivamente e in breve tempo il blocco annunciato dall’Iccrea e dall’Istituto Banche Popolari.

     

    Sullo stato di avanzamento dell’Accordo di cooperazione con l’Italia, il Segretario Mularoni ha informato che gli incontri tecnici con i rappresentanti dello Stato italiano inizieranno nelle prossime settimane, confermando che l’obiettivo rimane comunque quello di superare prima possibile le diverse difficoltà nei rapporti con l’Italia.

     

    Conclude il Segretario Generale CSdL: In relazione al tema dei frontalieri, che per il Sindacato deve essere trattato contestualmente allo stesso Accordo di cooperazione, ci siamo impegnati a compiere una verifica delle posizioni sindacali inviate all’Esecutivo nel 2007, ed eventualmente a procedere ad un loro aggiornamento. Su questo aspetto, abbiamo confermato che la soluzione deve essere definitiva, e deve riguardare tutte le note problematiche dei lavoratori frontalieri.

     

    Al termine dell’incontro, le parti si sono impegnate a rincontrarsi nelle prossime settimane, per un aggiornamento della situazione rispetto ai diversi temi trattati.

     

    CSdL