INIZIATI I FESTEGGIAMENTI CON LA PRESENTAZIONE LIBRO 50 ANNI DEL CONS

  • Le proposte di Reggini Auto

  • In un ambiente emozionante, con la sala gremita di tanti presidenti delle varie federazioni Sportive, affiliate al CONS, che oggi si sono aperti ufficialmente i festeggiamenti dei 50 anni del nostro Comitato olimpico Sammarinese, con la presentazione del libro CINQUANT’ANNI DI SPORT.

    Per l’occasione infatti, è stato scritto a “3” mani da Alessandro Giuliani, Gianluca Strocchi e con la collaborazione del giornalista Italo Cucci, un libro che ripercorre questi primi 50 anni dello sport sammarinese.

    Il presidente Angelo Vicini ha introdotto la conferenza presentando gli ospiti seduti al tavolo dei relatori, partendo dal Segretario allo Sport Fabio Berardi, il giornalista Italo Cucci, il segretario del Cons Stacchini e coloro che hanno scritto l’opera Giuliani e Strocchi.

    Il presidente ha posto l’accento che nel libro sono contenute, oltre alle conquiste sportive, anche le conquiste “politiche” che lo sport ha ottenuto dalla fondazione ad oggi. Ha rimarcato anche gli ottimi rapporti e il grande sostegno, che il CIO ha sempre dato a San Marino e quest’opera è un grande ed importante biglietto da visita per il nostro paese nel panorama sportivo internazionale.

    Il segretario Berardi ha rimarcato che questo traguardo e quest’opera rimarrà come una testimonianza tangibile di questa felice attività, che è lo sport nel nostro paese.

    Coltivare il valore dello sport, con la disciplina che esso comporta, è una grande scuola formativa per i nostri cittadini del futuro, dei cittadini onesti, sani ed esemplari nel nostro paese.

    Si è poi provveduto alla presentazione del libro in modo più dettagliato dove grazie anche a tante testimonianze fotografiche sono stati ripercorsi questi primi 50 anni di storia.

    Il nostro sport ha un tasso di professionismo basso e questo è un valore aggiunto delle nostre Federazioni, fatte dalla volontà di tante persone che dedicano tantissimo tempo che sottraggono alle loro famiglie. Il CONS è cresciuto soprattutto grazie a questo.

    Lo stesso discorso vale per i tanti sportivi che praticano attivamente lo sport, con la purezza della pratica sportiva e con tutti i valori positivi che questo sprigiona.

    In questi 50 anni abbiamo prodotto anche tanti campioni che si sono fatti onore in Italia e nel mondo, a partire dall’indimenticato Massimo Bonini campione della Juventus degli anni ’80, il Campione del mondo Manuel Poggiali ed anche Alex de Angelis che sta correndo ad altissimi livelli nel Motociclismo. Come non sottolineare inoltre la prima vittoria del campionato Italiano di Baseball della T&A San Marino.

    Credo che una menzione vada al tiro a volo dove quest’anno i Sammarinesi si aspettavano una medaglia olimpionica che purtroppo non è arrivata, ma che arriverà presto, ne siamo sicuri.

    La cosa più importante aldilà dei risultati va comunque rimarcata la dignità dello sport Sammarinese che ha saputo portare nel mondo in questi 50 anni.

    Non meno importante però è anche la parte organizzativa e diplomatica del nostro sport, e in questi 50 anni infatti oltre ad avere ottenuto riconoscimenti a livello internazionale, abbiamo saputo organizzare tanti grandi eventi come i Giochi dei Piccoli Stati, come gli internazionali di tennis, la partecipazione della nostra nazione alle qualificazioni mondiali e UEFA per i club. Per proseguire poi con i tanti eventi internazionali legati allo sport motoristico come il Gran Premio di San Marino di Formula 1, oggi del motomondiale, il San Marino Rally, evento internazionale che ormai è uno degli appuntamenti più importanti e tradizionali del rallysmo.

    Senza togliere niente a nessuno perché troppe volte l’importanza dello sport lo determina solo la visibilità che viene data dai “media”, credo che ognuno di noi debba ringraziare tutte quelle persone che in questi 50 anni hanno messo anima e corpo, al bene della propria federazione sportiva, sperando che questo sia solamente il primo di tanti, tanti nuovi traguardi.