Lega Pro: Mario Macalli confermato presidente. Ecco i nuovi consiglieri

  • Le proposte di Reggini Auto

  • Mario Macalli è stato confermato alla presidenza della Lega Pro, sarà al suo quarto mandato consecutivo. Non c’è stato bisogno di votazione, in quanto l’assemblea delle società (presenti 80 su 90, 31 di Prima Divisione e 49 di Seconda) ha accettato la proposta, illustrata dal presidente del Cosenza, Damiano Paletta, di votare per alzata di mano, vale a dire per acclamazione. Nessuno si è espresso in senso contrario ed il presidente dell’assemblea, avv. Catenaccio, ha preso atto del volere dell’assemblea dopo aver fatto una verifica l’esistenza o meno di eventuali dirigenti contrari alla proposta.

     

    Con Macalli presidente la stessa procedura è stata accettata per confermare i due vice Salvatore Lombardo e Archimede Pitrolo. Quest’ultimo, ed è una novità, avrà un doppo incarico nel prossimo quadriennio: oltre che vice-presidente di Lega sarà anche membro del Consiglio Federale, insieme al presidente Macalli ed ai confermati Gabriele Gabrina e a Vittorio Mormando. Ha dovuto declinare l’incarico, infatti, per impegni di carattere personale, Maurizio Radici.

         Si è poi proceduto all’elezione, con lo stesso sistema, dei consiglieri di Lega. Per la prima divisione esso sarà formato da Accornero (Novara), Benigni (Monza), Mio (Portosummaga), Vigorito (Benevento), Zampetti (Foligno) e Campedelli (Cesena). Per la seconda divisione da Calisti (Pavia), Gurzillo (Vibonese), Volterrani (Poggibonsi), Zucco (Ivrea), Attimonelli (Andria) e Costantini (Isola Liri).

    Macalli, un po’ commosso, e poi passato ad illustrare il suo programma, parlando, tra le altre cose, dell’accordo raggiunto con il Credito Sportivo che, per finanziarie la nascita o la ristrutturazione di impianti, aprirà uno sportello presso la stessa Lega. Macalli ha aggiunto che “la tessera del tifoso” potrà entrare in funzione dalla prossima stagione per evitare la chiusura totale o parziale degli stadi in occasione di particolari partite.

         “Occorre inoltre – ha aggiunto Macalli – una revisione della Covisoc, concetto che già nel lontano ’96 l’attuale presidente federale Abete aveva ribadito in un’intervista al “Corriere dello Sport stadio”. Istituiremo inoltre una consulta dei presidenti che affiancherà politicamente l’azione del presidente nella definizione delle linee strategiche per adeguarsi celermente ad ogni problematica che si presenterà sul nostro cammino. Occorre tenere contatti diretti tra la Lega e le società con incontri che dovranno essere messi in calendario almeno ogni due mesi. Naturalmente ogni decisione potrà essere adottata dopo la prossima assemblea federale nella quale le società della nostra Lega dovranno formare un blocco unico da interpellare prima che sia presa qualsiasi decisione politica. Io mi sento di garantire una squadra compatta che farà cose nuove. Nella vita ci può sempre migliorare ma questa, insieme alla  Consulta, sarà un organismo di servizio e non di potere”.

           Macalli poi ha illustrato i preparativi per un’adeguata preparazione del cinquantenario dell’esistenza della Lega fiorentina fondata nel l’estate 1959 da Artemio Franchi.

     

    UFFICIO STAMPA LEGA PRO