“Migranti su una barca in avaria”. E l’ong scalpita: “Fate presto”. Recuperati dalla Guardia Costiera libica

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

L’ong Alarm Phone segnala 150 migranti su un natante che imbarca acqua. La Mare Jonio denuncia: “Rischiano di affondare, fate presto”

Tornano gli allarmi nel Mediterraneo: un barcone con a bordo 150 persone (tra cui donne e bambini) sarebbe in avaria e starebbe imbarcando acqua mentre si trova in acque territoriali libiche.

“Le autorità di Roma, Valletta e Tripoli sono inforate”, ha annunciato su Twitter Alarm Phone, l’ong che ha creato una linea telefonica diretta attraverso la quale i migranti in difficoltà possono chiedere aiuto, “A bordo urla e panico. I migranti stanno usando vestiti per cercare di bloccare il buco. Urge soccorso immediato”. Poco dopo ha spiegato che sul posto si stavano recando un velivolo dell’operazione Sophia e un’imbarcazione della guardia costiera libica. “Ritornare in una zona di guerra è l’unica opzione lasciata dall’Europa, ma è meglio che annegare”, accusano dall’ong. Che un paio d’ore dopo twitta ancora: “Non riusciamo piú a metterci in contatto con la #barca”, dicono da Alarm Phone, “L’ultima comunicazione é stata alle 13.49h e ci hanno informato che due persone sono svenute e sono in condizioni mediche critiche. La c.d. #GuardiaCostieraLibica non reagisce piú alle nostre chiamate”.

E sul caso è intervenuta anche la ong dei centri sociali Mediterranea saving Humans, che da giorni è tornata a pattugliare le acque davanti alla Libia. Stavolta però la Mare Jonio non può intervenire a meno di violare la legge del mare. E lo ammettono pure gli stessi attivisti: “Il natante che sta imbarcando acqua da una falla si trova in acque territoriali libiche, dove alla #MareJonio è vietato entrare”, twittano, “Fate presto: 150 persone, bambini, donne e uomini rischiano di affondare!”.

In serata comunque la conferma che la guardia costiera libica ha “trovato e preso a bordo le 150 persone”. “Non abbiamo più contatto con la #barca”, dicono da Alarm Phne, “Supponiamo che sia un altro #respingimento verso la zona di guerra libica”. Il Giornale.it

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com