Milano, alloggi popolari in ostaggio degli abusivi: “Stranieri ci occupano case e cantine”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

In via Zamagna 4, a Milano, decine di stranieri hanno occupato abusivamente. I residenti: “Ora abbiamo paura”

A un tiro di schioppo dalla metro “Lilla” di Segesta, c’è via Bernardo Zamagna, che sbuca in Piazzale Selinunte, centro di quel quadrilatero di fatiscenti case popolari che è ormai diventato il quartiere arabo di Milano, e volto (molto) poco attraente della zona di San Siro.

Qui, al civico 4, da diverso tempo decine di extracomunitari abusivi hanno occupato alcuni appartamenti e le cantine del caseggiato, trasformandole in un vero e proprio dormitorio.

Una situazione critica in una fetta di Milano difficile in cui l’integrazione è pressoché impossibile: via Carlo Dolci, via Paravia, via Civitali e via Ricciarelli delimitano appunto un quadrato in cui proliferano degrado, rifiuti, criminalità e spaccio di droga. I pochi residenti italiani che abbiamo incontrato hanno paura. E anche per timore di subire ritorsioni hanno preferito non comparire in video.

Appena mettiamo piede nel cortile dello stabile, incrociamo degli operai: sono al lavoro per conto dell’Aler, e stanno montando le porte di ferro alle cantine, sgomberate più volte dalle forze dell’ordine meneghine. (Guarda il video).

“Io sono veramente disperata: dormono in cantina e lì fanno i loro bisogni. Non si può vivere così. E la sera, mamma mia, ci sono dei giri strani: questa è tutta gente che non lavora…Adesso hanno messo queste nuove porte e speriamo possano migliorare la situazione” ci racconta una signora, visibilmente preoccupata per la sua quotidianità.

Ma la vox populi ci crede poco. Gli altri residenti, italiani e non, che scambiano due parole con noi sono convinti che gli occupanti abusivi riusciranno a sfondare queste porte e a mettere su un losco giro di affari duplicando le chiavi di ingresso alle cantine. Dopo aver buttato giù le barriere, pretenderanno una quota mensile da chi andrà poi a vivere negli scantinati come hanno fatto finora. Il Giornale.it

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com