Multe, ricche entrate per i comuni

  • Le proposte di Reggini Auto

  • Croce degli automobilisti e delizia per le casse comunali, le multe si confermano un’entrata significativa nel bilancio delle amministrazioni locali. Nella classifica dei 25 comuni italiani non capoluogo, distintisi per il numero di contravvenzioni elevate, ci sono ben due cittadine della provincia forlivese: Verghereto e Roncofreddo. Semisconosciute ai più, ma degne di citazione: 2mila abitanti il primo comune, 3.076 il secondo.
    Nel 2007 sono entrate in cassa, per multe affibbiate a chi viaggia sulle loro strade, qualcosa come 967.418 euro a Verghereto e 1.055.696 a Roncofreddo. In termini percentuali costituiscono il 211,16% del totale delle imposte comunali nel primo comune, il 145,18% nel secondo. Spalmate sul numero di abitanti risulta che per ognuno di coloro che vive in questi centri sono state emesse multe corrispondenti a quasi 484 euro a testa nel comune di Verghereto, poco più di 343 a Roncofreddo. La singolarità ulteriore sta nel fatto che i due comuni hanno piccoli tratti di territorio comunale che si affacciano sulla frequentatissima E45, e che proprio lì si consumano buona parte delle infrazioni al codice. Ma tanto bene non stanno neppure gli automobilisti di altre città emiliano romagnole, di maggiori dimensioni. A Bologna, ad esempio, hanno pagato quasi 29 milioni di euro nel 2007, pari a 76,8 euro per ogni abitante. A Parma 10 milioni di euro, a Modena poco più di 7, a Rimini quasi 5 milioni, qualcosa come 25 euro per abitante, in termini percentuali il 7,6% delle imposte totali. E ancora mancano i dati sui T-red, i semafori dotati di telecamera, adottati solo di recente.

    Fonte: San Marino RTV