Nasce terza squadra Siviglia, è il ‘Sabrina Salerno’

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • (ANSA) – ROMA, 15 SET – Il calcio minore andaluso, in
    particolare quello a cinque e il calciotto che in Spagna sono
    molto diffusi e praticati, ha una nuova squadra, dal timbro
    italiano. Infatti è stata fondata, come riferisce il giornale
    sportivo ‘Marca’, la ‘Società Sportiva Sabrina Salerno’, con
    dicitura interamente in italiano, che ha come colori sociali il
    celeste della prima maglia e il rosa della casacca ‘away’.
        Quando le misure anti-Covid permetteranno il riavvio
    dell’attività minore, il Sabrina Salerno si cimenterà nel
    calciotto, contro rivali con nomi altrettanto particolari come
    Aston Birra e Vodka Juniors, con la speranza di salire di una
    categoria entro un paio d’anni. Per ora si parte dal basso.
        A fondare la nuova società è stato un gruppo di persone “tutte
    degli anni ’80 – spiega uno dei creatori del nuovo team
    sivigliano -, e quando abbiamo tirato i primi calci a un
    pallone era l’epoca in cui Sabrina Salerno (che anche in Spagna
    era molto popolare n.d.r.) ci faceva sognare. Abbiamo pensato
    che meritasse un omaggio, sentito e sincero da parte nostra, per
    la sua musica, la sua bellezza e perché è apparsa nelle nostre
    vite proprio quando ci siamo avvicinati al calcio”.
        Il designer Sergio Cortina si è incaricato di creare lo stemma
    del club, in cui appare la silhouette stilizzata della Salerno
    con la scritta “Gloria e Disordine” mentre uno sponsor tecnico
    italiano è stato incaricato di produrre le maglie. “Via social
    ce le hanno chieste in tantissimi – spiegano al club – ma non
    sappiamo ancora se possiamo venderle. Certo è bello avere così’
    tanti ‘aficionados’ ancor prima di scendere in campo e di aver
    disputato un sola partita. Speriamo che le maglie, o
    qualcos’altro, non ce le tirino addosso dopo che ci avranno
    visto giocare”. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte