Non solo Klimt, 2mila beni recuperati da Cc

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • (ANSA) – BOLOGNA, 29 MAG – L’indagine sul ritrovamento a Piacenza del dipinto ‘Ritratto di Signora’ di Gustav Klimt, scomparso nel 1997. L’operazione ‘Paloma’, con l’arresto di due bolognesi accusati di ricettazione di opere contraffatte a firma Picasso e Monet. Il recupero di quattro statue in marmo, trafugate nel 1996 da una chiesa piacentina. Sono alcune delle attività più importanti svolte dai carabinieri del nucleo Tutela patrimonio culturale di Bologna (Tpc) nel corso del 2019. Incrementata l’attività rispetto all’anno precedente: i militari del Tpc hanno arrestato tre persone e ne hanno denunciate altre 51. Nella maggior parte dei casi si tratta di reati di furto, ricettazione, contraffazione di opere d’arte e in danno del paesaggio. In totale sono stati recuperati e sequestrati 2.341 beni, di cui 821 di tipo antiquariale, archivistico e librario, due reperti paleontologici e 1.518 reperti archeologici, nonché 113 opere d’arte contraffatte, per un valore economico stimato in 3.241.000 euro per i primi e 13.891.000 euro per i secondi. Nello scorso anno, il numero di furti di beni culturali a livello regionale ha visto una netta diminuzione rispetto a quelli dell’anno precedente, da 73 nel 2018 a 48 nel 2019. (ANSA).


    Fonte originale: Leggi ora la fonte