Nuove proteste in piazza contro l’elezione di Trump

  • Le proposte di Reggini Auto

  • manifestazioni-anti-trumpVanno avanti le proteste anti Trump per le strade degli Stati Uniti.

    Gli edifici di Trump a New York e Washington sono stati fra gli obiettivi principali: la polizia ha innalzato delle barriere di sicurezza intorno all’hotel del presidente eletto nella capitale, non lontano dalla Casa Bianca, e ha anche schierato dei blocchi di cemento intorno alla Trump Tower nella Grande mela.
    Circa 100 manifestanti hanno marciato dalla Casa Bianca, dove Trump ha avuto il primo incontro con Barack Obama, al Trump International Hotel, aperto da poco, cantando ‘”love Trumps hate”. A Philadelphia circa mille persone hanno attraversato il centro della città. Manifestazioni anche a Los Angeles e in altre importanti città. A Portland (Oregon) la polizia è intervenuta per bloccare una protesta trasformatasi in una pericolosa rivolta di piazza. Le mobilitazioni sono state organizzate tramite i social network.

    Su Twitter Donald Trump ha commentato così quello che sta accadendo: “Ho appena vinto un’elezione presidenziale aperta e di successo. Adesso contestatori di professione, incitati dai media, stanno protestando, Molto ingiusto!”.

    L’ex sindaco di New York, Rudolph Giuliani, uno dei principali consiglieri di Trump, ha definito “piagnoni” gli studenti e i manifestanti che protestano contro la vittoria del tycoon. In un’intervista all’emittente Fox News, Giuliani ha sminuito l’importanza delle manifestazioni anti Trump e ha criticato l’appoggio offerto da alcune università agli alunni insoddisfatti del risultato elettorale.