Patteggia un anno ideatore cortei ‘no Green pass’ a Milano

  • Le proposte di Reggini Auto

  • (ANSA) – MILANO, 28 NOV – Ha patteggiato un anno, pena
    sospesa, Gabriele Molgora, detto Zeno, il 29enne accusato di
    istigazione a delinquere aggravata dal mezzo telematico e
    ricettazione per essere stato l’ideatore degli ormai noti cortei
    e presidi ‘no Green pass’ e ‘no vax’ che per 18 sabati
    consecutivi, tra il 2020 e il 2021, hanno paralizzato la città
    di Milano.
        Il patteggiamento è stato concordato tra la difesa del
    giovane e il pm Enrico Pavone, del pool antiterrorismo milanese,
    e ratificato oggi dal gup Angela Laura Minerva. Molgora, di
    professione tatuatore, avevano scritto i pm negli atti, “è da
    considerarsi senza ombra di dubbio uno dei protagonisti delle
    proteste in atto, in grado di condizionare le scelte degli
    attivisti, grazie all’intensa attività di proselitismo ed
    incitamento allo svolgimento di iniziative illegali”.
        Sulle chat ‘no vax’ il giovane aveva anche fatto un appello
    per raccogliere fondi per “pagare gli avvocati” e provvedere
    alle spese di casa. Nel novembre 2021 era stato perquisito dagli
    agenti della Questura milanese. Dall’analisi del suo telefono la
    polizia aveva scoperto che Molgora aveva inviato via Telegram
    dei file contenenti circa mille green pass intestati ad
    altrettante persone. Il giovane aveva ammesso di averli
    scaricati dalla rete e distribuiti gratuitamente a più utenti
    possibile. Da qui l’accusa di ricettazione.
        Ben visibile durante le manifestazioni, con la t-shirt con
    impresso il logo del movimento ‘no green pass’, Zeno era già
    stato denunciato per aver preso parte alle iniziative non
    preavvisate e sottoposto a Daspo urbano e non aveva quindi più
    partecipato ai raduni del sabato. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte