PIANTE TAGLIATE NELLA ZONA DEL PATTINAGGIO

  • Le proposte di Reggini Auto

  • La zona del pattinaggio, o meglio ex pattinaggio, ieri è stata oggetto di un disboscamento nella parte retrostante.

    In questi giorni questa zona è stata oggetto di dibattito sulla stampa, per il suo stato di abbandono e per questo abbiamo pensato di documentarlo.

    Effettivamente lo stato di abbandono è evidente, con dei bancali lasciati sulla pista, pista che è inagibile se non con delle biciclette perchè i pattini “puntano”.

    sembra che questa zona sia stata anche oggetto del documento del governo nel piano di rilancio del turismo.

    Lasciare una zona così in balia per anni da parte dei governi e sicuramente poco edificante, perchè se vogliamo rilanciare il turismo dobbiamo senza dubbio aprire a più possibili “mercati” turistici.

    San Marino ha sempre creduto poco nel turismo del benessere, eppure credo che potrebbe essere il posto giusto per poterlo offrire, tra l’altro questo turismo è in costante crescita ( vedi Bagno di Romagna), il Grand Hotel offre da tempo il centro benessere secondo me poco promozionato dal nostro stato.

    In un contesto di fitness, perchè non valorizzare i campi da tennis?

    Sicuramente in un’offerta turistica generale non di passaggio come avviene ora, ma di permanenzanon sfigurerebbero. Mi risulta che da diversi anni esista un progetto di riqualificazione di quella zona, che prevedeva se non ricordo male l’interramento dei parcheggi e sopra un parco multifunzionale, che potrebbe essere adibito anche per concerti o manifestazioni.

    L’idea in sè mi sembra buona, occorre crederci per ampliare al massimo l’offerta turistica con delle strutture adeguate e in un centro storico come il nostro, nel quale i turisti rimangono colpiti positivamente per la cura e la pulizia di esso, occorre evitare queste zone “grigie” di abbandono e qui occorrono idee, stato, ma anche categorie economiche pronte se necessario a investire su idee innovative.