PSRS: vent’anni fà la caduta del muro di Berlino

  • Le proposte di Reggini Auto

  • Vent’anni fa, la caduta del muro di Berlino ha segnato il fallimento politico ed economico del sistema comunista in cui la società era sottoposta al dominio dispotico di una oligarchia di potere e la pianificazione statale faceva delle masse lavoratrici, private di ogni libertà, le vittime di una inedita forma di servitù molto peggiore di quella esistente negli stessi paesi capitalisti.
    L’ondata che ha preso forma in seguito alla fine drammatica del comunismo, al discredito dell’intervento statale e delle politiche pubbliche, all’esaltazione del neoliberismo senza regole, ha colpito il socialismo democratico e riformista che, proprio mentre celebrava la sua vittoria nei confronti del comunismo, veniva a sua volta sottoposto ad una critica radicale per le sue politiche sociali. Ma il difficile periodo che il socialismo sta attraversando in Europa non appanna il ruolo centrale che il socialismo democratico ha avuto durante il secolo scorso come movimento di grandi masse di lavoratori e come difensore della democrazia liberale con una dimensione sociale e riformatrice. Non impedisce che nel mondo si stiano affermando i progressisti, dagli Stati Uniti al Giappone, dal Brasile all’India.
    Noi, Socialisti Riformisti, che abbiamo il grande obiettivo di tenere unita organicamente cittadinanza politica e cittadinanza sociale, abbiamo proposto un progetto per un nuovo sistema San Marino improntato alla socialità e alla crescita sostenibile da realizzare con una grande alleanza tra un centro democratico ristrutturato e disponibile alle riforme necessarie al Paese e un’area socialista rinnovata, coesa e presente sul territorio. Continuiamo a sostenere lo stretto legame tra democrazia e socialismo, tra libertà e socialismo, e ricordiamo i milioni di vittime dello stalinismo comunista, di una dittatura spietata, come monito solenne affinché tutto ciò non si ripeta e come auspicio di una forte ripresa del movimento socialista internazionale nell’interesse di tutti i lavoratori.
    Repubblica di San Marino, lì 8 novembre 2009