RIMINI. GLI ARREDI INTERNI DEL CINEMA FULGOR FIRMATI DAL PREMIO OSCAR DANTE FERRETTI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • Dalla pagina facebook del Comune di Rimini

    Con l’arrivo dei primi campioni stanno iniziando a concretizzarsi gli apparati scenici realizzati per il Cinema Fulgor dal Maestro Dante Ferretti a cui è stato affidato il compito di progettare arredi e apparati d’interni che andranno a ridare nuova vita alla sala cinematografica più famosa al mondo, ubicata nel grande Palazzo Valloni lungo il Corso d’Augusto, che grazie a questo radicale intervento esterno e interno diventerà la Casa del Cinema dedicata al Maestro riminese Federico Fellini, parte fondamentale del progetto del Grande Museo Fellini.

    Mentre presso gli stabilimenti dello studio Forme di Roma procedono i lavori per i pannelli decorativi, già alcuni primi campioni sono giunti in cantiere, pronti ad essere montati e visionati per il definitivo via alla loro produzione.

    In particolare si tratta di alcuni particolari delle decorazioni scenografiche a completamento dell’Atrio di accesso al Cinema Fulgor dal corso d’Augusto e della sala principale A. Mentre per l’atrio è previsto un completamento delle pareti mediante pannellature lignee, nella sala cinematografica sono state disegnate pannellature decorate, decori a parete, elementi illuminanti a parete e lampadari a soffitto.

    Come si ricorderà il Maestro Dante Ferretti, tre volte Premio Oscar (The Aviator, 2005; Sweeney Todd, il diabolico barbiere di Fleet Street, 2008; Hugo Cabret, 2012), nove nomination agli Academy Awards, scenografo degli spazi per una miriade di capolavori cinematografici, col suo progetto ha inventato per il cinema Fulgor una sala che lo stesso Ferretti definisce “in stile Los Angeles, un cinema romagnolo – hollywoodiano” ispirato alle sale cinematografiche degli anni ’30 e ’40. Con Fellini Dante Ferretti ha condiviso il genio visionario realizzando ben cinque film, da Prova d’orchestra, alla Città delle donne, E la nave va, Ginger e Fred, La Voce della luna”.