Ripartono i cantieri ferroviari, sopralluogo in quelli del reggiano: “Investimenti pubblici per far ripartire l’Emilia-Romagna”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • Sopralluogo Bonaccini e Corsini a Reggio cantieri ferroviari maggio 2020Ripartono i cantieri ferroviari nel reggiano, per la realizzazione di opere che serviranno a garantire massima sicurezza a lavoratori e viaggiatori, e maggiori comfort e puntualità con l’ammodernamento delle linee Reggio Emilia-Ciano d’Enza e Reggio Emilia-Guastalla. E questo grazie anche ai lavori per l’elettrificazione.

    Opere che fanno parte degli interventi che la Regione sta realizzando nell’ambito del potenziamento degli oltre 350 chilometri di rete ferroviaria regionale, gestita attraverso Fer, Ferrovie Emilia-Romagna.

    Oggi il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, insieme all’assessore regionale alla Mobilità, Andrea Corsini, ha fatto un sopralluogo nei cantieri di Bibbiano, dove Fer sta lavorando alla soppressione del passaggio a livello di via Franchetti  (costo dell’opera 4 milioni di euro), a Cavriago, dove è in corso il rifacimento del ponte Bassetta su cui passa la ferrovia Reggio-Ciano d’Enza (2,2 milioni) e a Bagnolo, dove è in via di completamento l’elettrificazione della linea Reggio Emilia-Guastalla (5,6 milioni).  

    A questi interventi si aggiunge, sempre sulle linee reggiane, l’elettrificazione della linea Reggio Emilia-Sassuolo, attualmente in corso e finanziata per quasi 11 milioni

    La “cura del ferro”, per dare più qualità alle ferrovie emiliano-romagnole

    Nell’ambito della cura del ferro, sono in corso importanti interventi per completare il potenziamento delle linee ferroviarie emiliano-romagnole e l’elettrificazione, che consentirà la circolazione del materiale rotabile a trazione elettrica su tutte le reti regionali.

    I principali interventi in campo riguardano l’elettrificazione delle linee, l’installazione dei sistemi di sicurezza (sistema controllo marcia treno per evitare l’errore umano) e l’eliminazione dei passaggi a livello con positive ricadute sulla viabilità stradale e ferroviaria.


    Fonte originale: Leggi ora la fonte