San Marino. Caso 1° aprile. Parla il Segretario Ciavatta: “Ho partecipato all’evento solo per una decina di minuti, all’aperto e nel rispetto delle norme”

  • Le proposte di Reggini Auto

  • Preoccupazione per la deriva che ha assunto la vicenda: “Dietro c’è una regia che fa leva sul malcontento della cittadinanza. Qualcuno dovrà risponderne”

    Mentre nel Paese, e particolarmente sui social, monta tuttora la protesta relativamente ai fatti del 1° aprile, il Segretario di Stato per la Sanità, Roberto Ciavatta – da più parti chiamato in causa nella vicenda – spiega, da noi contattato, le circostanze che lo hanno visto partecipare all’evento in Via Giacomini. Ammette di essere passato sul posto per una decina di minuti, intorno alle 17.45, per un saluto; di essere sempre rimasto all’aperto, sul marciapiede, in compagnia del Consigliere di RETE, Daniela Giannoni e a distanza da tutti gli altri presenti, in un momento in cui i locali erano comunque ancora aperti; poi alle 18.00 circa riferisce di essersene andato.

    “I verbali della Gendarmeria, – afferma – appena ne avremo la possibilità, saranno resi pubblici, e in quei verbali – precisa – il mio nome non c’è, poiché non ero presente nel momento in cui vi è stato l’intervento. Almeno in mia presenza – continua – non è accaduto niente di eclatante o comunque niente su cui meriti focalizzare l’attenzione, nel senso che in generale tutte le persone che camminano per Via Giacomini si fermano a chiacchierare tra di loro, ovviamente non più di 4 contemporaneamente. Quello che ho fatto io è quello che può fare qualsiasi cittadino in qualsiasi posto fino alle 20 in questi giorni”.

    Non nasconde, inoltre, l’amarezza e la preoccupazione per il clima teso che si è creato intorno alla vicenda: “Quello che mi dispiace tanto – dice – è che si stanno rincorrendo dei passaparola mandati ad arte sui social completamente diffamanti, e io credo che questa sia una modalità che abbia una regia, una regia che persegue la volontà di fare perno sul malcontento della cittadinanza – e che è normale che ci sia – però ritengo che questo sia molto pericoloso e irresponsabile in questa fase, una deriva di cui qualcuno dovrà risponderne”. San Marino Rtv