San Marino. Caso Public Netco. Le accuse rivolte a Mirko Peverani, Matteo Casadei, Luciano Ciavatta e Jaume Salvat Font – PARTE QUARTA –

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • Nell’ambito del procedimento 138/2021 RNR il Commissario della Legge Elisa Beccari – giudice inquirente – del Tribunale di San Marino sta procedendo nei confronti di Mirko Peverani per il reato continuato ed in concorso di AMMINISTRAZIONE INFEDELE di cui agli artt. 50, 73 e 198 c.p. perché quale Presidente del Cda di Public Netco spa (…)

    perché in concorso con il Presidente del CdA di Public Netco Matteo Casadei, con il consigliere Luciano Ciavatta e con il Direttore Generale Jaume Salvat Font (quest’ultimo avendo condotto le trattative con ZTE Italia srl), nella seduta del Consiglio di Amministrazione di Public Netco spa del 2 agosto 2019, deliberava la variazione del “bill of material” del contratto con ZTE Italia srl – che implicava la sostituzione, a parità di prezzo, di quattro delle cinque stazioni radio 5G ordinate con apparecchiatura volta all’implementazione di una Core Network in territorio sammarinese (senza avere adeguata contezza del valore commerciale e delle caratteristiche tecniche delle apparecchiature oggetto di scambio e, dunque, della congruità economica dell’offerta e della idoneità tecnica dell’apparecchiatura e dei servizi da ultimo introdotti (…)

    Così facendo Peverani, Casadei e Ciavatta recepivano acriticamente e passivamente le indicazioni loro previamente fornite dal Direttore Generale Jaume Salvai Fon, che aveva già concordato le variazioni contrattuali della fornitura con ZTE Italia srl, ciò a vantaggio di quest’ultimo contraente e con danno della società rappresentata, pari alla somma da corrispondere al fornitore, e  la consegna di prodotti da ultimo inseriti nel contratto o – in alternativa – con danno pari alla differenza fra la maggior somma da corrispondere a ZTE ed il valore di mercato – all’epoca della sottoscrizione – dei beni e dei servizi oggetto della variazione del bill of material.

    Il contratto veniva poi effettivamente sottoscritto apparentemente in data 5 agosto 2019 (trattandosi di documento non registrato, – redato  solo in lingua inglese). Fatti accaduti a San Marino sino al 8 agosto 2019  (giorno in cui avveniva l’ultimo pagamento a ZTE Italia srl)

    FINE QUARTA PARTE

    TERZA PARTE

    SECONDA PARTE

    PRIMA PARTE

     

    GIORNALESM si occuperà in maniera particolare ed approfondita di questo procedimento.

     

    Per saperne di più

    LEGGI QUI