San Marino per un bosco in Amazzonia, Concerto della pianista Irene Veneziano

  • Le proposte di Reggini Auto

  • L’Ufficio Attività Sociali e Culturali e l’Associazione Culturale “Il Passetto” organizzano sabato 31 ottobre 2009, alle ore 21.00, presso il Teatro Titano, la serata di beneficenza San Marino per un bosco in Amazzonia. La pianista Irene Veneziano – un giovane talento che ha al suo attivo diversi riconoscimenti internazionali, prestigiosi premi e concerti anche per la radiotelevisione della Svizzera romanda – si esibirà in un concerto, con musiche di Chopin, Beethoven e Liszt. L’intero ricavato della serata sarà devoluto per l’acquisto di un pezzo di foresta amazzonica, che diventerà la Riserva naturale integrale San Marino.

    Il progetto nasce da un’idea di Steven Busignani, sammarinese abitante del mondo, da molti anni impegnato in attività di salvaguardia e di conoscenza della millenaria cultura dei popoli indigeni dell’America Latina, che da un paio d’anni vive in un piccolo villaggio dell’Amazzonia peruviana, Ilucanayacu, sulle rive del fiume Huallaga, nella regione di San Martín, a qualche settimana di barca dai confini con il Brasile e con la Colombia, dove svolge una apprezzata attività di educatore e di promozione dello sviluppo sostenibile. Nella valle dove sorge il villaggio le tradizionali coltivazioni di coca sono state sostituite dalle piantagioni di cacao, per le quali Busignani studia le condizioni e le tecniche migliori per la coltivazione e la lavorazione della pianta e dei suoi semi. Ha inoltre sviluppato una nuova attività di formazione degli abitanti del villaggio, sempre basata sull’osservazione dell’ecosistema della selva circostante, con l’obiettivo di allevare con successo un particolare tipo di ape indigena senza pungiglione, la Tetragonisca Angustula, molto apprezzata per il miele medicinale. Nel villaggio Busignani sta inoltre costruendo un centro educativo, con una sala video per poter proiettare materiale didattico e per poter organizzare laboratori.

    Il progetto da cui nasce questo concerto è quello di acquistare un pezzo di foresta incontaminata, per proteggerla e farne una riserva naturale: una volta che il progetto sarà realizzato, 32 ettari di foresta amazzonica diventeranno la riserva naturale integrale San Marino.