San Marino. Telefonata Lonfernini-Catalfo: sul tavolo le politiche del lavoro legate ai frontalieri

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • Nella giornata di lunedì 1 Giugno 2020, il Segretario di Stato Teodoro Lonfernini ha avviato telefonica-mente un confronto con il Ministro per il Lavoro Italiano On. Nunzia Catalfo sui delicati temi riguardanti il potenziamento e la cooperazione tra lo Stato di San Marino e l’Italia sulle politiche del lavoro. Uno dei temi di rilevanza comune è senza dubbio quello del lavoro frontaliero, per il quale si auspica uno scambio di opinioni quanto prima. Il colloquio intercorso è stato estremamente cordiale, l’impegno da parte di entrambe le Istituzioni è quello di un incontro per instaurare al più presto azioni per la creazione di un tavolo politico e tecnico di lavoro”. Questa la nota del Lavoro inviata ieri alle redazioni. Per sapere qualche cosa in più abbiamo contattato lo stesso Lonfernini: “Già nella fase pre Covid – spiega il Segretario al nostro giornale – c’era stato uno scambio di corrispondenza col ministro italiano. Sul tavolo ci sono diverse cose che oggi a maggior ragione vanno ancor di più sviscerate fra cui ovviamente le politiche del lavoro e in particolare dei frontalieri, nonché tutta la parte che riguarda l’associazione con la Ue che sta seguendo il collega Beccari, ma di cui una parte importantissima chiaramente riguarda anche la delega del lavoro e le libertà in questo campo. L’impegno proprio alla luce dei tanti e importanti argomenti è quello di incontrarci al più presto anche attraverso un tavolo politico-tecnico congiunto. Il ministro è rimasta colpita dal fatto che nonostante l’emergenza sanitaria ad oggi il nostro Paese riesca ancora a dare lavoro a migliaia di frontalieri. Devo dire di avere trovato finalmente un interlocutore, nel vero senso della parola, qualcuno che ascolta e col quale ci può essere un confronto. Credo di poter dire che i rapporti con l’Italia siano particolarmente buoni” conclude il Segretario Lonfernini. A proposito di rapporti con l’Italia ieri in occasione della festa del 2 giugno, il Segretario di Stato per gli Affari Esteri, Luca Beccari, ha ricevuto a Palazzo Begni l’Ambasciatore d’Italia Guido Cerboni. Quest’ultimo ha ribadito “i sentimenti di fra-terna vicinanza all’amica Repubblica Italiana, uniti ad una sincera gratitudine per la costante attenzione e il sostegno ricevuti in questa durissima contingenza che ha portato sofferenza e dolore in entrambi gli Stati”.

    David Oddone
    Repubblica Sm