San Marino. Visita del Ministro degli Affari Esteried europei della Repubblica di Croazia 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • Visita del Ministro degli Affari Esteri
    ed europei della Repubblica di Croazia 
    Il Segretario di Stato per gli Affari Esteri, Nicola Renzi, ha incontrato oggi a Palazzo Begni il Vice Primo Ministro e Ministro degli Affari Esteri ed europei della Repubblica di Croazia, Marija Pej?inovi? Buri?, con la quale si è intrattenuto in un ampio e articolato colloquio.

    L’incontro è avvenuto in un clima di assoluta cordialità e ha richiamato i numerosi ambiti di collaborazione in atto, sia a livello bilaterale che nel contesto multilaterale.

    Focus particolare è stato attribuito al rapporto che lega  la Repubblica di San Marino al Consiglio d’Europa, da sempre  contraddistinto da un impegno attivo a livello politico-diplomatico, istituzionale e parlamentare.

    A quest’ultimo riguardo, l’Ospite in mattinata è stata accolta a Palazzo Pubblico proprio dalla Delegazione Consiliare Sammarinese presso l’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa, che sarà presto a Strasburgo per l’elezione del nuovo Segretario Generale.

    Con la Collega agli Affari Esteri, Renzi si è soffermato su vari temi di interesse comune, a partire dalla volontà di intensificare i rapporti diplomatici e la cooperazione in seno alle maggiori Organizzazioni internazionali.

    “San Marino e la Croazia sono legate indissolubilmente per ragioni storiche, in primis per le origini del nostro Santo Patrono  – ha commentato il Segretario di Stato Renzi – ma sono unite anche grazie alle innumerevoli forme di collaborazione in atto sia a livello bilaterale che nel contesto multilaterale, le quali ci auguriamo senz’altro di intensificare in futuro”.

    Durante il colloquio, il Segretario di Stato Renzi si è soffermato  anche sul percorso di integrazione europea, richiamando l’amicizia e il sostegno della Croazia mai venuti a mancare e che prossimamente, anche alla luce della futura presidenza croata dell’Unione europea del primo semestre 2020, potranno ulteriormente confermarsi.