Skateboard: conclusi i Mondiali, Giappone domina lo street

  • Le proposte di Reggini Auto

  • (ANSA) – ROMA, 06 GIU – Si sono conclusi a Roma i mondiali si
    skateboarding. Allo stadio Pietrangeli del Foro Italico era il
    grande giorno delle finali che hanno fatto conoscere al grande
    pubblico italiano i mostri sacri brasiliani, americani e
    giapponesi che si giocavano il titolo iridato e, per i primi
    tre, l’accesso diretto alle Olimpiadi, bypassando il ranking
    mondiale. Tra le donne, dominio del Giappone con il primo e il
    secondo posto di Aori Nishimura e Momiji Nishiya davanti alle
    brasiliane Rayssa Leal, Pamela Rosa e Leticia Bufoni.
        Stesso copione in campo maschile: Yuto Horigome con uno
    schiacciante punteggio di 36,75 in rimonta, lascia a bocca
    asciutta lo statunitense californiano Nyjah Huston che per la
    prima volta, e complice qualche errore di troppo, ha dimostrato
    di non essere l’inarrivabile numero uno dello Street mondiale.
        Con trick perfetti e con spettacolarità delle manovre, il
    campione nipponico porta a casa il titolo mondiale, candidando
    il Giappone a team da battere a Tokyo 2020. Per la cronaca
    salgono rispettivamente sui gradini del podio iridato
    l’americano Nyjah Huston e l’altro giapponese Sora Shirai.
        Sabatino Aracu, padrone di casa in qualità di Presidente
    della federazione mondiale World Skate, ha dichiarato con grande
    soddisfazione che “Roma ha risposto alla grande a questo
    straordinario evento, la migliore piazza per svolgere un
    mondiale che ha consacrato lo skateboarding come uno degli sport
    più apprezzati nel mondo e, da oggi, anche in Italia: Tokyo 2020
    sarà la ciliegina sulla torta!” “Un grande successo per lo sport, per l’Italia e per i cittadini
    romani – ha detto il Presidente di Sport e Salute Vito Cozzoli –
    che, oltre allo spettacolo di oggi, potranno sfruttare questo
    splendido skatepark all’interno del Foro Italico per tutta
    l’estate” (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte