Strada di fondovalle…si muove

  • Le proposte di Reggini Auto

  • Il congresso di Stato firma l’autorizzazione: nel 2009 gli appalti, intanto sono state avviate le procedure di pubblica utilità. A Rimini espropri già terminati. Una strada “lunga” quattro anni. L’opera costerà 14 milioni e mezzo, ma per costruirla ne serviranno solo 9. Intanto il Comune di Rimini ha approvato il progetto.

    Dovevano iniziare a costruirla entro la fine del 2007, ma le svariate crisi di governo non hanno aiutato a contrarre i tempi e ora ci si trova ancora al capitolo “appalti”. Il tema, fin troppo discusso, è ancora quello della Strada di Fondovalle, la bretella viaria che collegherà Dogana Bassa, Rovereta e la zona industriale di Galazzano, quasi due chilometri di strada parte della quale insisterà sul territorio riminese e per la quale il congresso di Stato, nella seduta del 3 novembre scorso, ha autorizzato la fideiussione a garanzia dei lavori da quasi otto milioni di euro. Giusto la parte sammarinese, visto che l’intero progetto dovrebbe costare oltre 14 milioni (per l’esattezza, 14 milioni e 400 mila, di cui solo 9 dediti alla mera costruzione). Intanto, mentre Rimini ha già concluso le procedure di pubblica utilità – contestati da molti residenti -, con gli espropri, San Marino, è ancora indietro. Messi già a disposizione i due milioni e 400 mila euro totali, la procedura di pubblica utilità sammarinese, avviata l’anno scorso, è stata finora solo avviata: gli espropri verranno terminati entro il 2009 quando la segreteria al territorio si prenderà il tempo necessario per assegnare gli appalti. La prima pietra? Se tutto va bene, alla fine del 2009, sennò se ne parla per il 2010. Intanto, il Comune di Rimini ha approvato il progetto: l’intesa con San Marino è stata raggiunta alla fine del 2006, con la sigla della convenzione che dava già all’epoca il via ufficiale alla realizzazione di una nuova viabilità al confine tra i due territori. 

    Ora, il passo decisivo della fideiussione a garanzia dei lavori, commissionata alla Banca centrale. Si legge nella delibera numero 34 del 3 novembre scorso: “Vista la convenzione sottoscritta il 12 ottobre 2006 tra il Comune di Rimini e l’Eccellentissima Camera relativa alla progettazione e la realizzazione di una nuova viabilità denominata ‘Strada di Fondovalle’ al confine tra la Repubblica di San Marino ed il Comune di Rimini, il congresso autorizza l’Eccellentissima Camera in applicazione dell’articolo 10 della Convenzione, a depositare al Comune di Rimini idonea fideiussione, al fine di soddisfare l’obbligazione assunta a semplice richiesta del Comune di Rimini. La fideiussione viene rilasciata dalla Banca Centrale della Repubblica di San Marino alle seguenti condizioni : importo massimo garantito: 7.773.738 euro; commissione pari allo 0,06% dell’importo garantito su base annua; durata: fino al completamento dei lavori ed all’avvenuto collaudo. La fideiussione sarà svincolata in maniera progressiva ed automatica secondo le modalità previste dalla Convenzione. Il congresso autorizza altresì la spesa di 4.664,24 euro in favore di Banca Centrale, quale commissione annuale anticipata della fideiussione, da imputarsi sul capitolo ‘Finanziamento Viabilità Strada di Fondovalle’”. fonte san marinoggi