Stuprata e gettata nel canale, l’ultimo orrore di Modena: tre donne morte in 2 mesi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Il suo corpo senza vita era stato abbandonato in un canale, al lato della strada. Aveva indosso solo un maglione: gli altri vestiti erano sparsi nei campi lì intorno, vicino a Modena, in stradello Toni, una frazione di Albareto. A trovare il cadavere di una donna africana di 40 anni, è stato un residente, ieri mattina, mentre portava a spasso il cane. Sul posto sono subito arrivati gli agenti della Squadra Mobile. Per gli inquirenti non ci sono dubbi: si tratta di un omicidio, il terzo che in poco tempo, e sempre vicino a Modena, vede come vittime donne straniere. Sul corpo della quarantenne sono stati infatti trovati segni di violenza. In tarda serata un uomo è stato fermato e portato in Procura, davanti al pm, Maria Angela Sighicelli che coordina le indagini. Non è al momento chiaro se siano stati presi dei provvedimenti nei suoi confronti, ma potrebbe anche scattare il fermo.
I residenti sono sconvolti: «Questa è una cittadina molto tranquilla», racconta chi abita nei paraggi.

LA VIOLENZA
I poliziotti della Mobile e i colleghi della Scientifica ipotizzano anche che la vittima possa essere stata violentata. Poi, sarebbe stata colpita con un oggetto contundente. Gli investigatori hanno da subito iniziato a indagare sull’universo della prostituzione, un ambiente in cui si cercano il movente e il responsabile dell’omicidio. Intanto i pm hanno già disposto l’autopsia, che verrà effettuata nei prossimi giorni. Solo gli accertamenti medico legali permetteranno di appurare le cause e l’orario del decesso e chiariranno come la donna sia stata uccisa.

I PRECEDENTI
La quarantenne africana è la terza donna straniera che viene uccisa nel Modenese nel giro di due mesi. Il 6 febbraio scorso, infatti, Ghizlan El Hadraoui, badante e mamma di 37 anni, è stata accoltellata e bruciata nella sua auto, vicino al luogo in cui ieri mattina è stato trovato il cadavere della quarantenne. A uccidere Ghizlan con quattro coltellate alla schiena e dare poi fuoco al suo corpo, è stato l’ex marito, che non accettava la decisione della donna di divorziare. Arrestato, ha tentato il suicidio in carcere. Il 22 marzo, invece, a Finale Emilia, Khaddouj Hannioui, 50 anni, è stata sgozzata in casa dal nipote trentunenne, Mohammed El Fathi, subito arrestato dai Carabinieri.
Sul nuovo delitto dai primi accertamenti è emerso che il corpo sia rimasto nel fosso per almeno ventiquattro ore. Per gli investigatori l’omicida avrebbe scelto quella zona di campagna per evitare di essere scoperto. I residenti, infatti, non hanno notato movimenti sospetti. Leggo

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com