Urbania. Morto il celebre custode del Cimitero delle mummie della Chiesa dei Morti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • DSC_0428URBANIA – Con lui se ne va una parte della storia della provincia di Pesaro e Urbino. Si è spento Giuseppe Ducci, il celebre custode delle mummie di Urbania. Aveva 79 anni. Da tempo si era ritirato a vita privata.
    Una vita, la sua, spesa a salvaguardare, custodire e promuovere le famose mummie racchiuse nella cripta della chiesa dei morti. È stato il loro angelo custode, conoscitore di tutti i loro segreti. Il cicerone per 50 anni dei diciotto corpi mummificati, ma nel contempo anche il narratore magico.

    Ad Urbania, da sempre, lo chiamavano Matuscek. Un soprannome datogli, forse, per ricordare un saggio sacerdote egiziano che aveva il compito di trattare e dunque mummificare i corpi. Per la popolazione locale era il “re” delle mummie. Colui che le ha salvate da un possibile ritorno alla polvere.

    Con le sue parole, le tante storie e aneddoti ha incantato negli anni le migliaia di turisti che si sono recati in pellegrinaggio al cimitero delle mummie di Urbania. Negli anni ha raccolto fondi insieme a tanti urbaniesi e seguito i lavori di ristrutturazione della cripta e messa in sicurezza dei corpi mummificati. Operazione avvenuta negli anni ’80, grazie anche alla sensibilità dei tanti cittadini, amministratori e clero che lo hanno sostenuto. Con la sua dipartita se ne va un volto, una figura emblematica di un tempo e di uno spaccato sociale e folclorico.

    fonte CORRIERE ADRIATICO