VISITA DELLA REGGENZA ALLA MOSTRA SULLA M– USEALIZZAZIONE DELL’AREA ARCHEOLOGICA DI DOMAGNANO

  • Le proposte di Reggini Auto

  • Questa mattina gli Ecc.mi Capitani Reggenti Francesco Mussoni e Stefano Palmieri accompagnati dal Segretario di Stato per la Cultura, Romeo Morri, hanno visitato nella sala del Castello di Domagnano la mostra Museografia per l’Archeologia. Progetti di musealizzazione per il sito di Domagnano, a cura dell’ arch. Sandro Pittini e della dott. Paola Bigi. Presenti il Direttore dei Musei di Stato, dott. Francesca Michelotti e il Capitano di Castello Daniele Gasperoni.
    La mostra è stata organizzata dai Musei di Stato della Repubblica di San Marino e dalla Facoltà di Architettura “Aldo Rossi” dell’Università di Bologna (sede di Cesena), con la collaborazione della Giunta di Castello di Domagnano ed ha presentato i 12 progetti di musealizzazione del sito realizzati nell’anno accademico 2008/2009 dagli studenti del corso di “Allestimento e Museografia”.
    L’insediamento di età romana e gota di Domagnano, scavato dai Musei di Stato negli anni 1998-2000 sotto la direzione del prof. Gianluca Bottazzi, è posto a poca distanza dal tradizionale luogo di ritrovamento del famoso “tesoro di Domagnano”, un prezioso complesso di oreficerie di età gota (fine V- prima metà VI secolo d.C.). Proprio gli scavi e gli studi sul sito di Domagnano hanno premesso di contestualizzare la presenza del “tesoro” a San Marino e di ricostruire alcune delle pagine più significative della storia antica del territorio sammarinese.
    La mostra, corredata da un catalogo, e un seminario di studi tenutosi il 18 dicembre scorso hanno offerto preziosi spunti di riflessione sui temi della musealizzazione dell’ area archeologica, che non coinvolgono solo gli specialisti del settore in quanto l’archeologia potrebbe aprire nuove prospettive turistiche ed economiche per San Marino.

    IL M– USEO DI STATO HA ORDINATO UNILATERALMENTE DI SMANTELLARE LA MOSTRA DOPO LA VISITA DELLA REGGENZA PER FAR POSTO ALLA CONFERENZA ALTREMENTI DELL’AMICO (PIU’ COMPAGNO) CIAVATTA ROBERTO