BASTA!!!!! Ora l’Italia ci ricatta nuovamente col blocco delle carte di credito, per farci firmare un accordo come vuole lei!

  • Le proposte di Reggini Auto

  • A questo punto meglio non firmare! Che firmare un accordo che ci renda schiavi e succubi dell’Italia! La situazione non è più accettabile.

    Ora dopo Febbraio, ritornano con la mossa, di vera e propria intimidazione, del blocco delle carte di credito.

    E’ gioco scorretto, come quello che sta facendo il Ministro Tremonti non firmando l’accordo e soprattutto con il rimpatrio (effettivo) dei capitali detenuti da cittadini italiani in Repubblica.

    A niente è valso l’impegno dei ns. Segretari per far vedere che San Marino è affidabile. All’Italia, nuovo Alberoni, frega poco. Si capisce benissimo che l’obiettivo è l’annullamento finanziario della Repubblica di San Marino.

    i Fatti: Lunedì scorso è arrivata la nuova circolare ICCREA con la quale si informa che, per il fatto che la Banca d’Italia non aveva dato l’autorizzazione alla stessa Iccrea a continuare il rapporto con gli istituti di credito di San Marino, dal 15 Novembre verranno sospesi i bancomat e dal 30 Novembre le carte di credito.

    Ed allora, a questo punto, ci facciamo qualche domanda. Come mai Bankitalia non ha rinnovato il permesso all’Iccrea? Dicono perchè non esiste un accordo in termini finanziari con San Marino. Ma se è proprio Tremonti che lo sta bloccando per vedere l’esito dello scudo fiscale!!!!.

    Qualunque sia la verità, la questione si ripropone sempre: Noi non siamo assolutamente indipendenti e niente si fa, in breve tempo, per esserlo. Solo belle parole e tanti sterili convegni e conferenze stampa. E questo la dice lunga del fatto di essere, o meno, uno STATO SOVRANO.

    Questa è la verità! Purtroppo…..occorre cambiare per non diventare come le Isole Cayman…comprate per quattro soldi dalla più grande Gran Bretagna!