CASO CORRUZIONE A SAN MARINO. Il sedicente amico di Buriani, il Commissario Roberto Battaglino era il titolare del procedimento per corruzione contro il giudice di Bologna. Ora è in mano alla Beccari e a Santoni

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • Un’altra verità è che fino al 29 giugno 2021 il giudice che indagava su Buriani era Roberto Battaglino, sedicente amico dello stesso Buriani. Ed è lui stesso a dirlo che sono amici. Forse qualche incompatibilità tra Buriani e Battaglino è opportuno sollevarla. Anche perchè è lo stesso Battaglino che sarà decidente nel procedimento TITOLI (500/17) dove sono indagati, archiviati (da Morsiani!!!…) ed indagati ancora persone che erano vicinissime – come emerge dalle carte – a Buriani, vedi Guidi e Grandoni.

    Vogliamo davvero che un sedicente amico di Buriani giudichi il caso Titoli?

    E’ possibile avere giustizia in questo paese? oppure si deve aspettare mesi e mesi, come nel caso della sentenza Bin, eppoi vedere sentenze di quel tenore? oppure un niente di fatto? Possiamo avere una magistratura indipendente? O è una chimera?

    Anche se è vero che siamo tutti stressati, ma qualcuno fesso e stupido non lo è.

    /ms

    Battaglino assieme alla Volpinari, Buriani, Di Bona, Simoncini e Morsiani in una foto di repertorio. Battaglino è il primo a sinistra.