DIMISSIONI RITA VANNUCCI, IL PSD INTERPELLA IL GOVERNO

  • Le proposte di Reggini Auto

  • Nella giornata di oggi i Consiglieri Giuseppe Maria Morganti e Denise Bronzetti hanno presentato alla Segreteria Istituzionale una interpellanza dal seguente contenuto:

    “Alla luce di articoli di stampa nella giornata odierna relativi alle dimissioni del Commissario della Legge Rita Vannucci dal Gruppo di Lavoro Moneyval che ,sempre da tali articoli, sarebbero derivati da forti dissapori con il Magistrato Dirigente del Tribunale;

    in considerazione del ruolo attivo e determinante al raggiungimento della revoca della procedura rafforzata del Commissario Vannucci nelle elaborazioni e nelle relazioni in ambito Moneyval, ruolo che ha ottenuto attenzione e riconoscimento sia da esponenti del Governo che delle forze politiche di maggioranza e opposizione;

    tenendo conto della lettura fortemente negativa che le dimissioni del Commissario Vannucci proietterebbero sulla percezione degli interlocutori istituzionali ed amministrative esterne, proprio alla luce del lavoro svolto in ambito Moneyval;

    interpelliamo il Governo

    per conoscere:

    – se la notizia delle dimissioni del Commissario Vannucci sia confermata;

    – se il Governo abbia già  respinto tali dimissioni;

    – se il citato carteggio tra i due magistrati sia stato inoltrato al Segretario della Giustizia e alla Reggenza;

    – se lo stesso carteggio contenga effettivamente gli elementi causa di tali dimissioni;

    – se tra tali elementi siano presenti anche differenze di valutazione sull’operato svolto in sede Moneyval;

    – se, viste le implicazioni che tali ipotetiche dimissioni potrebbero avere sull’immagine e sull’autorevolezza del Tribunale e delle istituzioni in generale, in questo delicato momento delle relazioni esterne del Paese, sia intenzione del Governo di mettere a disposizione della Commissione Affari di Giustizia ovvero del Consiglio Grande e Generale della documentazione relativa alle succitate dimissioni;

    – quali iniziative intenda intraprendere il Governo per risolvere il clima di incertezza e di tensione che il Tribunale attraversa da tempo.”