Florea: da Luca Giordano a Giovan Battista Ruoppolo. In mostra le nature morte dei maestri del barocco”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Florea presenta le opere dei maestri del Seicento. Due settimane di esposizione, 3-12 aprile, al Palazzo del Governo di San Marino. Per scoprire come la pittura barocca rappresenta i fiori, la frutta e la natura.

L’edizione 2010 di Florea, la mostra mercato di piante ed essenze rare in programma nel centro storico del Titano i prossimi 10 e 11 aprile, si apre con un’anteprima all’insegna dell’arte della pittura con la mostra  “Fiori e FruttAntica nell’arte del Seicento. Maestri della Natura morta dalla Piacenti Art Gallery”.

La cornice della mostra è, dal 3 al 12 aprile, il Palazzo del Governo della Repubblica di San Marino, che per l’occasione ospiterà alcuni capolavori prestati dalla galleria antiquaria fiorentina di Emanuele e Leonardo Piacenti. L’inaugurazione, cui parteciperà Romeo Morri, segretario di Stato alla Cultura e alla Pubblica Istruzione della repubblica del Titano è prevista per sabato 3 aprile alle ore 9.30.

Per Mara Verbena, di Fiori d’Acqua, con Camilla Barducci curatrice e organizzatrice di Florea, la mostra è un evento di grande importanza: “Il valore culturale e artistico dell’esposizione è elevatissimo ed esprime in pieno uno dei nostro obiettivi, parlare di fiori e natura a tutto campo. Vogliamo che i visitatori di Florea possano scegliere e acquistare una pianta per il loro giardino, ma possano trovare nella manifestazione anche momenti di riflessione e dibattito sul rispetto ambientale e sulla cultura del verde”.

Le opere in mostra presentano una piccola ma significativa selezione di alcuni dei principali maestri che, tra Sei e Settecento, interpretarono il tema della natura morta con originalità ed esuberanza barocca, senza dimenticare un’attenzione particolare per la filologia botanica nella rappresentazione veridica di fiori e frutta. Tra i dipinti spiccano la spettacolare Natura morta con figura realizzata a due mani dal napoletano Giovan Battista Ruoppolo e Luca Giordano, tra i maggiori interpreti del barocco europeo, e la fastosa Vertumno e Pomona di Giovanni Giacomo Sementi, allievo di Guido Reni. E nei giorni di Florea (sabato 10 e domenica 11 aprile), ai dipinti in mostra, verranno abbinate anche opere floreali create appositamente dai maestri d’arte Floreale Chicco Pastorino e Francesco Mancini della scuola Pianeta Fiore.

L’esposizione è collegata al progetto e al libro “Frutta antica, il gusto ritrovato: Dalla frutta della memoria alla salvaguardia della biodiversità“, promosso dal Comune di Vaiano (Prato) e dall’Area Protetta del Monteferrato con la collaborazione dell’Università di Firenze e dell’Ecoistituto di Cesena.

Tale progetto-pilota, sarà presentato nell’ambito di Florea domenica 11 aprile alle ore 14.30 (Hotel Titano), nasce da una ricerca archeovegetale partita nel 2008 e sviluppata insieme all’Università di Firenze (Dipartimento di Scienze delle Produzioni Vegetali, del Suolo e dell’Ambiente Agroforestale) volta alla scoperta e salvaguardia di frutta di antica origine ed essenze rare che rischiano la definitiva scomparsa. Il progetto ha consentito una campionatura, attraverso botanici e ricercatori storici, nonché fonti orali di memoria contadina, dei vari esemplari di frutta antica presenti nel territorio della Val di Bisenzio, e alla progettazione di un pomario della memoria nel giardino della villa rinascimentale del Mulinaccio (Vaiano).

L’ingresso a Florea è gratuito.

Info e Contatti – Mara Verbena info@fiordiverbena.com

Camilla Barducci milla–milla@hotmail.it

Il programma della manifestazione su: www.eventisanmarino.com

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com