grande successo di partecipanti all'ottava edizione di Aikido

  • Le proposte di Reggini Auto

  • Quest’anno alla ottava edizione dello stage Internazionale di Aikido di San Marino abbiamo raggiunto come traguardo l’ambiziosa quota di oltre cento partecipanti. Due anni in anticipo sulla data che ci eravamo prefissati. Nulla avviene per caso, quindi analizziamo le componenti del successo di questa manifestazione per avere una solida base di riconferma e di ulteriore crescita in futuro.
    Prima di tutto l’indiscutibile valore del M° Fujimoto Yoji, che in qualità di direttore didattico dell’Aikikai di San Marino da otto anni ci onora della sua presenza. Ci sembra superfluo intessere qui le lodi del Maestro, i numeri per l’appunto parlano da soli ed è ovvio che i partecipanti siano principalmente convenuti per avvalersi del suo insegnamento.
    Qualche piccolo merito però ce lo prendiamo anche noi. Dietro all’organizzazione di questo evento c’è il lavoro di diverse persone che partendo diversi mesi in anticipo seminano, distribuendo volantini, caldeggiando la partecipazione degli amici ormai affezionati a questo stage, invitandone sempre di nuovi trascinati dall’entusiasmo di poter offrire l’ormai rinomata accoglienza sanmarinese.
    Esempio della nostra ospitalità è il tradizionale brindisi di commiato offerto dall’Aikikai San Marino. Un allegro momento da trascorrere a bordo tatami prolungando il piacere di stare tutti insieme svincolati dall’impegno della pratica e dalle regole dell’etichetta. Il brindisi, che alla prima edizione è stato per i convenuti una piacevole sorpresa, ora è divenuto una attesa tradizione che altri dojo hanno in seguito adottato a conferma che la piccola realtà Sanmarinese può anche offrire validi suggerimenti.
    Si fa il possibile per offrire il meglio e gli allievi del Dojo San Zan di San Marino e Aikidomus di Rimini si danno un gran da fare ad esempio per tirare a lustro questi due ambienti, destinati ad ospitare lo stage il primo e a ricevere chi desidera pernottare il secondo.
    Altro indiscutibile punto a nostro favore per la riuscita del seminario è l’ampio tatami che la Federazione Lotta, Pesi e Judo di San Marino ci mette a disposizione. I trecento metri quadrati di materassina e gli ampi spogliatoi di cui disponiamo sono condizioni che si ritrovano raramente nei seminari organizzati dai dojo dell’Aikikai d’Italia.
    Delle 103 persone partecipanti più di un terzo è stato costituito da praticanti dei due dojo organizzatori, due terzi provenienti dalle varie regioni d’Italia e addirittura un praticante dalla Francia.
    In conclusione, siamo davvero soddisfatti.
    Ringraziamo il M° Fujimoto, la Federazione Lotta, Pesi e Judo di San Marino, tutti i Maestri e gli allievi partecipanti e confermiamo il nostro impegno per una riuscita dell’evento sempre migliore negli anni a venire.
    Gli organizzatori:
    Adolfo Morganti, I Dan Ugo Montevecchi, V Dan