il Governo della Repubblica di San Marino commemora e onora il dolore delle vittime di Srebrenica

  • Le proposte di Reggini Auto

  • A 14 anni di distanza dal massacro di Srebrenica, evento considerato come il peggior crimine compiuto in Europa dopo il secondo conflitto mondiale, e definito nel 2004 dal Tribunale Penale Internazionale dell’Aja per l’ex-Jugoslavia un genocidio, il Governo della Repubblica di San Marino commemora e onora il dolore delle vittime di quella immane tragedia e si unisce al cordoglio di tutte le famiglie, anche a quelle ancora in attesa di conoscere l’esatto destino dei propri congiunti, nonché alle sofferenze di tanti profughi e sfollati che rientrano a Srebrenica solo in occasione dell’anniversario del genocidio.  

    Srebrenica non è una città simbolo solamente per la Bosnia-Erzegovina, bensì per tutta l’Europa. Essa è la testimonianza più vivida dei drammi vissuti da un popolo, e segna la coscienza, la memoria e i sentimenti di tutta la comunità internazionale.

    In occasione delle commemorazioni di quest’anno, San Marino intende ribadire la sua fiducia nell’azione della giustizia internazionale, la cui attività è finalizzata a perseguire, arrestare e giudicare i responsabili dei crimini, affinché non siano più in grado di condizionare le sorti del Paese. Non è la via della vendetta, ma la via della giustizia, che onora le vittime e che può dare al mondo la speranza che tali orrendi crimini non si ripetano mai più.