“Il Paese chiuso per Covid? Governo pensa alle canne”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • Nel via libera del Consiglio dei Ministri al Dl Ristori ter si inserisce anche un emendamento proposto dal Movimento CinqueStelle con lo scopo di regolamentare la produzione della canapa. Nel documento è quindi compresa anche la liberalizzazione della cosiddetta “canapa light”, ovvero quella caratterizzata da un depotenziamento del principio attivo, che viene mantenuto al di sotto della soglia dello 0,5%.

    Nella relazione che si accompagna all’emendamento, riportata da Ansa, si legge chiaramente che per i CinqueStelle quello della canapa è un fenomeno che “non può più essere ignorato e deve essere prontamente affrontato con un approccio oggettivo e concreto, attraverso una chiara e complessiva regolamentazione”. Quando si parla di regolamentazione della filiera produttiva sono, ovviamente, incluse anche norme relative alla distribuzione e commercializzazione, con lo scopo di fornire trasparenza nella compravendita dei prodotti a cui si fa riferimento nell’emendamento.

    Dato che tale proposta si inserisce in un momento particolarmente duro per il Paese, specie dal punto di vista economico, sono state numerose le reazioni negative nei confronti dei grillini. In prima linea il presidente Pro Vita e Famiglia onlus Toni Brandi, che non ha usato mezzi termini per commentare la notizia in un comunicato ufficiale. “Contro l’emergenza Covid e per non rischiare altre vittime della pandemia i giallorossi hanno chiuso anche le palestre che si curano del nostro benessere fisico, ma state tranquilli, una canna per fumare e dimenticare che state perdendo tutto, anche il vostro lavoro, ve la concederanno. Scandalosi!”.

    Il dramma che numerose famiglie stanno attraversando a causa delle restrizioni imposte da Conte col bene placet dei Cinquestelle e del Partito democratico resta in primo piano.“La giustificazione, poi, che l’utilizzo della cannabis sia fenomeno che non può più essere ignorato e che debba essere prontamente affrontato, è come dire che la chiusura dei ristoranti alle 18 e di tutte le altre attività a rischio invece sia un’occasione imperdibile e una grande opportunità. Ma non si vergognano?”, aggiunge ancora Toni Brandi. “E comunque, se un comportamento è sbagliato”, conclude il vicepresidente Jacopo Coghe, “tale rimane e deve rimanere vietato! Così tra l’altro si ignorano la morte di tante persone e il rispetto delle minime norme di prevenzione”.

    “La ricetta 5Stelle per far ripartire l’Italia? Ristorare gli italiani con la cannabis light, con i morti negli ospedali, le terapie intensive piene, le famiglie in crisi, intere categorie di lavoratori che aspettano ancora la cassa integrazione e i soldi che non verranno, il governo che fa? Pensa di regolamentare l’intera filiera della canapa, liberalizzando la cannabis light. Tanto per ‘ristorarli'”, ha attaccato l’eurodeputata della Lega Simona Baldassarre, come riportato da AffarItaliani.



    Fonte originale: Leggi ora la fonte