IVA sulle bollette TIM: le Associazioni Consumatori chiedono al Governo di attivarsi a tutela degli utenti

  • Le proposte di Reggini Auto

  • Dopo aver preso posizione pubblicamente, l’Associazione Sportello Consumatori e l’ASDICO oggi hanno inviato ai Segretari di Stato per gli Affari Esteri e per le Finanze e alla Direzione delle poste, una lettera che torna a sollevare il tema dell’applicazione dell’IVA calcolata sulle bollette TIM a decorrere dal 1° gennaio 2010.

    “Contrariamente alle notizie che in un primo tempo avanzavano l’ipotesi di un errore di fatturazione – scrivono le due Associazioni dei Consumatori – col passare dei giorni sta prendendo consistenza la notizia che all’origine di tale addebito vi sia una direttiva europea che stabilisce nuove regole nella tassazione dei servizi di telecomunicazione, di radiodiffusione e di televisione, in relazione al luogo delle prestazioni degli stessi servizi.

    La direttiva, adottata dagli Stati membri, verrebbe così applicata anche alla Repubblica di San Marino; a tal proposito chiediamo che il Governo si attivi urgentemente a tutela degli interessi dei numerosi cittadini che usufruiscono dei servizi – come nel caso della telefonia mobile, ma non solo – di società che hanno sede fuori del nostro territorio, e più in generale affinché sulla vicenda venga fatta chiarezza e siano ricercate le migliori soluzioni.”

    Pertanto, considerando la rilevanza della questione sollevata, Sportello Consumatori e ASDICO sollecitano l’Esecutivo a fornire una risposta in tempi brevi.

     

    Associazione Sportello Consumatori

    ASDICO – Associazione Sammarinese Difesa Consumatori