La BCCR (vedi vicenda ASSET) comprata dalla CariFe

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

La banca investita nella vicenda ”Re Nero” cambia proprietà.

La Banca di credito e risparmio di Romagna, l’istituto di credito con un unico sportello a Forlì finito nella bufera nell’ambito dell’inchiesta ‘Re Nero’ sui presunti giri di ricilaggio di denaro con la Asset Banca di San Marino, è stata venduta. Una vendita peraltro dal valore piuttosto cospicuo visto l’importo complessivo pare essere stato di 17 milioni di euro. A compiere l’acquisizione è stata la Cassa di Risparmio di Ferrara, come annunciato da tempo. L’accordo è stato perfezionato per il passaggio di proprietà di 14 milioni di euro ad un controvalore economico  di 1,20 euro per ciascuna azione, per un valore complessivo dell’operazione di 16 milioni e 800mila euro. La notizia, diffusa dal ‘Corriere Romagna’, mette in parte la parola fine sulla travagliata vicenda della banca romagnola, nata nonostante il caos giudiziario che a gennaio 2008 è esploso con le 10 ordinanze di custodia cautelare da parte del pm Fabio Di Vizio nell’ambito dell’inchiesta ‘Re Nero’, la Bcr ha incrementato i conti correnti e si è presentata agli acquirenti ferraresi con conti in ordine ed un ottimo stato di salute finanziario.

 

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com