Odissea Kawasaki, si ritira per risparmiare

  • Le proposte di Reggini Auto

  • John Hopkins
    John Hopkins

    Il rincorrersi di voci, è giunto al capolinea. La Kawasaki, tramite un comunicato ufficiale, ha annunciato che non sarà al via della MotoGp.
    Alla base del ritiro, il sensibile calo delle vendite dovuto alla pesante crisi economica.
    Una scelta difficile, ma inevitabile – fanno sapere i vertici della casa giapponese – lo stop alle competizioni, permetterà di risparmiare quasi 4 miliardi di yen all’anno, circa 31 milioni di euro.
    Il ritiro però, non dovrebbe cambiare lo scenario prospettato ieri, vale a dire due moto affidate ad un team privato, con in sella Marco Melandri e John Hopkins.
    Tutto il materiale delle verdone, è stato infatti rilevato da Michael Bartholemy, il team manager belga che rimarrà alla guida della sua squadra.
    Al team saranno fornite le moto del 2009, che di fatto saranno molto simili a quelle della scorsa stagione, mentre la Kawasaki si è detta disponibile ad effettuare la revisione periodica dei motori.
    La mediazione di Carmelo Ezpeleta, è dunque riuscita a metà.
    Il numero uno della Dorna si era posto due obiettivi, il ripensamento dei vertici Kawasaki che non pero non è arrivato, e riportare a 19 il numero dei partecipanti alla MotoGp, soluzione che a meno di clamorosi colpi di scena, dovrebbe essere definitiva.
    Entro fine mese si incontreranno a Ginevra, il presidente della Federazione internazionale Vito Ippolito e il presidente della Dorna Carmelo Ezpeleta, con l’intenzione di garantire un futuro alla MotoGp.

    Fonte: San Marino RTV