PSD: ”Un anno di Governo Gatti: Un fallimento!”

  • Le proposte di Reggini Auto

  • Nella serata del 18 gennaio si è tenuta l’Assemblea dei circoli del PSD di Borgo Maggiore e Cailungo con all’ordine del giorno l’avvio dell’adesione al Partito per il 2010, il dibattito sulla relazione della Presidente Denise Bronzetti incentrata sul tema: “Perché un anno di governo Gatti è un fallimento” e quella del Segretario Gerardo Giovagnoli su:” Europa, ora, una soluzione..”.

    La Presidente ed il Segretario hanno inoltre sottoposto alla discussione il progetto di mozione che il Gruppo Consiliare dei Socialisti e dei Democratici propone al Consiglio Grande e Generale.

    La mozione oltre a rivendicare la necessità assoluta di una politica estera chiara, ragionata, attiva e improntata al massimo dell’autonomia, considera improcrastinabile per San Marino l’avvio di negoziati diretti con l’Unione Europea per difendere la sovranità e promuovere in modo efficace gli interessi sammarinesi.

    Il documento che verrà proposto al Consiglio vuole essere un concreto strumento operativo per affrontare “lo stato di profonda crisi nelle relazioni italo-sammarinesi e superare la mancanza di relazioni paritetiche fra San Marino e l’Unione Europea” e preparare il Paese ad un Accordo di Associazione con l’Unione Europea.

    L’ampio dibattito ha toccato anche i gravi problemi del Paese legati alla situazione di crisi, che non è solo quella del settore bancario ma anche economica ed occupazionale (nel 2009 l’occupazione nell’ Industria Manifatturiera ha avuto un calo di quasi 500 unità rispetto il 2008, la produzione industriale nel secondo quadrimestre 2009 ha segnato -1,41% sul corrispettivo 2008) ed ha arricchito le posizioni espresse dai massimi dirigenti del PSd.

    I Circoli di Borgo e Cailungo hanno espresso il loro sostegno all’azione del PSD per la difesa della coesione sociale e della sovranità di San Marino unitamente al convinto sostegno che San Marino deve uscire subito dalla condizione di Paese Extra- Comunitario e trovare l’adeguata e naturale collocazione nell’ Unione Europea.

    Borgo Maggiore 19 gennaio 2010 – comunicato stampa