Renzi annuncia l’addio al Pd con una telefonata a Conte

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

L’ex segretario chiama il premier per ufficializzare la scissione dal partito. E per rassicurarlo: “Sosterrò il governo”

Dopo le voci che si sono rincorse per tutta la giornata, l’ufficialità con una telefona a Giuseppe Conte.

È al premier che Matteo Renzi ha voluto annunciare per primo la volontà di staccarsi dal Partito democratico e fondare due gruppi parlamentari.

L’annuncio vero e proprio arriverà domani, ma l’ex segretario dem ha voluto questa sera rassicurare il presidente del Consiglio, sottolineando – rivelano fonti dem all’agenzia Adnkronos – che deputati e senatori che faranno capo a lui sosterranno questo governo. Del resto a innescare la prima scintilla che ha portato all'”inciucio” tra dem e 5 Stelle è stato proprio lui quando, il 20 agosto scorso, ha lanciato l’idea di una nuova maggioranza per scongiurare le elezioni.

Fonti di palazzo Chigi hanno confermato la telefonata del senatore a Conte, ma non hanno rivelato nessun ulteriore dettaglio sul contenuto. Ma ormai la scissione è fatta. Renzi spiega le sue ragioni in un colloquio con ilGiornale in edicola domani e – in serata – durante la registrazione di Porta a Porta. Secondo lui il Partito democratico si è spostato troppo a sinistra, rinnegando riforme importanti apportate dal suo governo. L’idea è quella di rispostarsi al centro, a quel campo dei moderati di sinistra che il partito ha lasciato scoperto. Ma a far storcere il naso al senatore dem è anche il “matrimonio” troppo stretto che sta prendendo forma tra Pd e M5S e che sta portando a alleanze sul territorio che hanno sempre più l’aria di una coalizione vera e propria. Il Giornale.it

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com