San Marino. I dottori Ghinelli e Alfarano spiegano perchè non si sono candidati in Elego, pur stando dentro al movimento

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Da alcune settimane è iniziato il fermento politico nel nostro paese.  

Come medici, fino a qualche anno fa guardavamo un pò distratti e senza particolare interesse la politica sammarinese. 

Per un quarto di secolo l’ospedale è stato il nostro mondo, la nostra casa mentre cambiavano ripetutamente direttori e Segretari di Stato.

Quanto sta succedendo nel nostro paese e soprattutto nell’ambito della nostra sanità pubblica ci ha spinto ad avvicinarci alla politica.

Non ci tiriamo indietro di fronte all’impegno di mettere a disposizione la nostra esperienza, le nostre idee per riformare, migliorare, mantenere sovrana la nostra sanità pubblica e riportala ai livelli che tutti quanti meritiamo.

Per far questo è necessario lavorare e dedicare tanto tempo e sacrificio proprio alla politica, unico strumento democratico.

Siamo medici ai quali piace ancora il proprio lavoro e per il senso di responsabilità che ci distingue essendo abituati a gestire il rapporto di fiducia che ci lega ai nostri pazienti non riusciremmo a raccontar bugie all’elettorato, occorre serietà e tempo per gli impegni istituzionali e ci sentiamo ancora profondamente legati alla nostra professione.

Avremmo potuto candidarci per portare consensi al movimento per poi rinunciare eventualmente al mandato! Ma non siamo abituati a raccontar frottole! Questo è quanto ci ha insegnato il nostro Primario dott. Soragni.

Se diamo ora un’occhiata alla politica, vediamo quanto sia facile sciogliere i gruppi, formare aggregazioni nuove con gli stessi nomi per confondere l’elettorato esausto, disattento o deluso.

Se per rispetto della politica, che riteniamo una cosa seria, non possiamo entrare negli impegni istituzionali, possiamo invece riaffermare che continueremo a lavorare affinché Elego, con chi altro sia disponibile, possa finalmente ridarci la sanità che abbiamo perduto.

Ci sembra quanto mai doveroso spiegare a tutti coloro che ci stimano perché non siamo oggi candidati.

Dott. Diego Ghinelli.

Dott.  Mauro Alfarano.

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com