SAN MARINO. MESSAGGIO DEGLI ECC.MI CAPITANI REGGENTI IN OCCASIONE DELLA GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA DEMOCRAZIA

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • La Giornata Internazionale della democrazia rappresenta un
    momento per riflettere ogni anno sul valore della democrazia, per una
    rinnovata consapevolezza che è necessario un impegno costante, da parte
    delle Istituzioni e dei cittadini, a sostegno di un processo imperfetto e mai
    definitivamente compiuto quale è la democrazia. Conquista – tra l’altro –
    mai acquisita per sempre.

    Le situazioni di crisi, forse più di altri momenti, ne evidenziano
    fragilità e le molteplici e sempre nuove minacce. Ma la qualità di una
    democrazia si misura anche dalla sua capacità di rafforzarsi confrontandosi
    con l’esperienza, con le difficoltà, con i propri errori e i propri limiti.
    Con questo intento, il Segretario delle Nazioni Unite, ci invita in
    questa giornata a trarre insegnamento dalla pandemia con cui ci stiamo
    ancora confrontando, dalle criticità che essa ha determinato e reso più
    gravi, dai rischi connessi alle soluzioni d’emergenza adottate per contenere
    il contagio e limitare le drammatiche conseguenze di un evento che ha colto
    impreparati popoli e Stati.

    Sono le condizioni di profonda ingiustizia e disuguaglianza,
    anche nell’accesso ai sistemi sanitari e ai vaccini, a porre in crisi le nostre
    democrazie, così come le tante situazioni di marginalità che escludono
    persone e comunità dalla rappresentanza e da quella partecipazione ai
    processi decisionali che rendono il concetto stesso di democrazia un valore
    e un obiettivo.

    Inscindibile è anche quel rapporto tra democrazia, stato di
    diritto e rispetto dei diritti fondamentali, in particolare delle persone più

    fragili, che l’emergenza sanitaria ha contribuito drammaticamente a porre
    al centro della nostra attenzione e preoccupazione.

    Un’esperienza che, indubbiamente, resterà quale monito a vigilare e
    ad adoperarci per rafforzare la capacità delle nostre democrazie di
    rispondere ad ogni sfida, anche la più difficile e impegnativa, nel rispetto di
    quei principi di tutela dei diritti fondamentali, di uguaglianza, di
    partecipazione e di responsabilità nell’interesse comune – in cui è riposta
    l’autentica forza delle nostre democrazie.
    E un attenzione particolare, in questa ricorrenza, rivolgiamo alle
    nuove generazioni, a tutti coloro che hanno la responsabilità della loro
    formazione, affinché proprio i giovani possano diventare i più convinti
    custodi di una democrazia che esige da parte di ogni cittadino una piena
    consapevolezza dei propri diritti così come delle proprie responsabilità.