Sconti sulla benzina al confine con San Marino? “Serve l’ok della Ue”

  • Le proposte di Reggini Auto

  • I contributi anti-concorrenza per i distributori di carburante nelle zone di confine restano in attesa del via libera dell’Ue. Questa, in sintesi, la risposta del sottosegretario di Stato per l’economia e per le finanze, Daniele Molgora, all’interrogazione del deputato riminese del Partito democratico, Elisa Marchioni.

    A preoccuparla è lo scippo dei clienti riminesi, in fuga verso i benzinai del Titano, agevolati anche dalla Smac card. “La Repubblica di San Marino – spiega Marchioni – ha recentemente avviato la distribuzione di una card che, al momento dell’effettuazione di acquisti presso esercizi convenzionati, viene dall’esercente caricata di un importo equivalente allo sconto predeterminato”. Grazie alla Smac e all’effettivo minor costo di partenza, il prezzo dei carburanti a San Marino, secondo il deputato riminese, e’ di 16 centesimi di euro al litro inferiore rispetto quello praticato in Italia.

    “L’ulteriore diminuzione del prezzo dei carburanti a San Marino – spiega il deputato – ha ancora di più penalizzato i gestori degli impianti di distribuzione nelle aree confinanti che hanno visto crollare il volume dei carburanti venduti”. Perciò, Marchioni sollecita il governo a “predisporre nuove iniziative legislative volte a ridurre il prezzo dei carburanti nelle aree confinanti con la Repubblica di San Marino, in analogia con le disposizioni già adottate”.

    La risposta di oggi del sottosegretario Molgora ricorda che la Legge comunitaria 2008 ha già previsto un fondo di 2 milioni di euro annui, “in favore delle regioni confinanti con la Repubblica di San Marino, finalizzato all’erogazione di contributi alle persone fisiche ai fini della riduzione del prezzo al distributore di benzina e gasolio per autotrazione”.

    Ma puntualizza poi: “L’efficacia della disposizione è espressamente subordinata all’autorizzazione del Consiglio dell’Unione europea ai sensi della direttiva sulla tassazione dell’energia”. A riguardo, il sottosegretario segnala inoltre che un analogo provvedimento per la riduzione dei prezzi di carburante in Friuli Venezia Giulia, Regione a statuto speciale, è sotto procedura di infrazione “in materia di compatibilità alla normativa comunitaria delle disposizioni inerenti la tassazione dei prodotti energetici”.

    fonte: il restodelcarlino.it