Sea Watch, sì a redistribuzione. “La Ue costretta a intervenire”. Tra qualche ora lo sbarco

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Soddisfazione della Lega per l’accordo con l’Europa per la redistribuzione dei migranti a bordo della Sea Watch. Più vicino lo sbarco.

“Finalmente l’Europa è stata costretta ad intervenire”. La Lega non nasconde la soddisfazione per l’accordo raggiunto nelle notte sul caso della Sea Watch, la nave della ong che staziona da giorni di fronte a Lampedusa.

“Incontro positivo e rivolto al futuro” nel quale sono stati “affrontati i temi di attualità politica, soprattutto crescita economica e controllo dell’immigrazione”, dicono fonti della Lega, “Finalmente l’Europa è stata costretta ad intervenire”.

Nonostante la Corte dei diritti dell’uomo abbia sposato la linea italiana, nelle prossime ore potrebbe avvenire lo sbarco dei 47 migranti, dopo l’accordo raggiunto dal premier Giuseppe Conte con Germania, Francia, Portogallo, Romania e Malta per la loro redistribuzione. La gestione dello sbarco dei migranti e della fase successiva è stata al centro del vertice a palazzo Chigi terminato a tarda notte tra il presidente del consiglio e i due vicepremier, Luigi Di Maio e Matteo Salvini.

“Tra qualche ora inizieranno le operazioni di sbarco”, ha assicurato stamattna Giuseppe Conte, “Si è aggiunto anche il Lussemburgo alla lista dei Paesi amici che hanno risposto al nostro invito: ora siamo 7 paesi”. Intanto in prefettura a Siracusa va avanti un confronto serrato sulla questione. Nella notte, sotto il coordinamento della Guardia costiera, sono stati svuotati i reflui e sanificati i servizi igienici della Sea Watch ed è stato messo a disposizione un ulteriore bagno chimico. Intanto prosegue la mobilitazione sulla spiaggia da parte di cittadini e associazioni. Il Giornale.it

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com