Telecomunicazioni, ecco le ditte autorizzate. Comunicato Stampa Segreteria Esteri.

  • Le proposte di Reggini Auto

  • La Segreteria di Stato per gli Affari Esteri e Politici, le Telecomunicazioni e i Trasporti e la Direzione Poste e Telecomunicazioni precisano quanto segue.

    In diverse occasioni è capitato che residenti in San Marino siano stati contattati da operatori di “call center” per offerte di servizi di telecomunicazione (telefonia, internet, ecc.) da parte di società di telecomunicazioni non autorizzate ad operare nel territorio sammarinese (ad esempio TELE2, Tiscali, Infostrada, Wind, Vodaphone o altre).

    Si rammenta che tutti i servizi di telecomunicazione in San Marino sono regolati dalla legge n.57 del 28 marzo 1988 e che gli operatori di telecomunicazione, per poter offrire i servizi, devono essere concessionari autorizzati.

    A tale proposito si elencano gli operatori di telecomunicazione abilitati in San Marino:

    Telecom Italia S.p.A. (T.I.M. S.p.A), Telecom Italia San Marino S.p.A., Telenet S.r.l., T.M.S. S.p.A., S.M.T. S.p.A. (denominata anche PRIMA).

    Qualora l’utente accettasse di sottoscrivere un contratto per servizi di telecomunicazione con un soggetto non autorizzato non sarebbe tutelato nelle garanzie del servizio e/o in altre questioni, in quanto gli operatori non autorizzati non hanno stipulato con lo Stato di San Marino alcuna Convenzione, con la quale vengono stabiliti i diritti e i doveri che indirettamente si riflettono sull’utente finale in termini di qualità del servizio.