La controquerela del Segretario Arzilli alla Swer ed alla Informazione..

  • Le proposte di Reggini Auto

  • In riferimento all’articolo apparso su L’Informazione di martedì 12 gennaio 2010 che rappresenta l’esistenza di una querela per abuso di poteri nella vicenda “Swer” a carico del Segretario di Stato Arzilli, al quale non è pervenuta ad oggi alcuna comunicazione giudiziaria al riguardo, si precisa quanto segue.

    Il Segretario di Stato, in occasione degli incontri che abitualmente svolge con tutti coloro che chiedono appuntamento e nell’ambito delle proprie competenze istituzionali, è messo a conoscenza dagli stessi di problemi o progetti riguardanti loro private iniziative.

    Così è accaduto anche con i rappresentanti della One srl, titolare del progetto “Swer”.

    Il Segretario Arzilli, pur riconoscendo la validità del progetto commerciale, ha fin da subito posto il problema della sede dell’attività, in quanto l’immobile scelto dalla proprietà non aveva una destinazione d’uso commerciale. Per legge, dunque, in tale immobile non sarebbe stato possibile esercitare attività commerciale di vendita al pubblico.

    Mai sono state fatte promesse e rassicurazioni, ne scritte ne verbali, da parte del Segretario di Stato Arzilli sul cambio di destinazione d’uso dell’immobile o su una soluzione al di fuori della legge.

    Si diffida, pertanto, chiunque dal dichiarare il contrario, mentre saranno adite le vie giudiziarie a tutela dell’onorabilità del Segretario di Stato.

    In riferimento alle considerazioni espresse dal giornalista sui contrasti fra il Governo e il resto del mondo (“dal tribunale, alle categorie, a Banca Centrale, al sindacato, alla camera di commercio fino ai commercianti”), da parte di questa Segreteria di Stato si precisa che è stato adottato il metodo del dialogo e del confronto con i propri interlocutori fin dalle prime fasi del suo insediamento.

    Un confronto franco e leale può anche voler dire partire da posizione diverse, ma con l’obiettivo della massima condivisione raggiungibile e comunque sempre del rispetto della legge.

    comunicato stampa