Risvolti, inaspettati, nella vicenda A.D. (affari d'oro) REAL ESTATE – GRAM VILLAGE e la STAMPA LOCALE??? Muta!!!

  • Le proposte di Reggini Auto

  • Ogni ora che passa raccogliamo delle nuove informazioni.

    Quello che stupisce è come la gran parte dei giornali locali non ne abbiamo pubblicato la notizia; nemmeno un trafiletto! come mai? Forse perchè lo scoop non è loro?….dei professionisti del settore? Comunque noi non faremo mai quest’errore; una notizia importante come questa, è una notizia che noi daremo SEMPRE anche se non saremo stati noi a scovarla.

    Non darle non si fa un gran servizio al Paese, non chiarisce certi atteggiamenti equivoci di qualcuno e non rende l’informazione libera e aperta come deve essere.

    Ma ci siamo chiesti perchè non tutti danno questa INFORMAZIONE??? come mai?

    Noi non lo sappiamo, ma certo è che la questione più va avanti più vede il coinvolgimento di persone anche eccellenti! E nel proseguo vi diremo di più!

    Addirittura sembra che tra i nomi eccellenti vi sia quello di una giovane avvocato donna sammarinese che curava gli interessi dei promotori di questa iniziativa. Dobbiamo capire se sia coinvolta (cioè se abbia quote nell’affare oppure agiva solo in nome e per conto dei suoi clienti)…certo è che siamo sicuri partecipava alle trattative con muratori ed impresari edili per l’edificazione di questo imponente residence…

    L’area interessata è quella di San Michele, dove l’A.D. REAL ESTATE dapprima aveva 1/5 dell’area poi sembra tutta quanta con la partecipazione di altri importanti figuri.

    Doveva nascere, con la collaborazione di imprese edili italiane, un enorme residence in una zona verdissima e bellissima, una delle poche rimaste.

    Ma sembra che mancassero i capitali per far partire tutta l’operazione milionaria e per questo che, sembra, ci si sia rivolti al web con un offerta, che era oltremodo allettante, ovvero quella di poter far comperare anche da italiani, o addirittura stranieri, appartamenti in territorio sammarinese.

    Quindi da quello che sembra e traspare dalla vicenda è che pensavano di usare internet come una sorta di grande procacciatore di affari.

    Come non si può essere in accordo con il Segretario Arzilli, ovvero quando tutti gli sforzi sono tesi a dare un nuovo volto pulito e credibile a San Marino succedono queste cose poco chiare e che offrono cose che NON possono offrire.

    Una Magistratura attenta dovrebbe da subito aprire un fascicolo se non altro per capirne di più!

    Vediamo che faranno! Certo da quello che si vede il Governo non starà con le mani in mano, già da Lunedì, in occasione della prossima riunione del Congresso di Stato.